Lamborghini V12: la prima della Aventador

La nuova V12 del Toro si svela per la prima volta in una immagine semi-ufficiale. Linea aggressiva ispirata alla Reventon e cuore V12 da 700 CV.

Lamborghini V12: la prima della Aventador

Tutto su: Lamborghini Aventador

di Francesco Donnici

17 dicembre 2010

La nuova V12 del Toro si svela per la prima volta in una immagine semi-ufficiale. Linea aggressiva ispirata alla Reventon e cuore V12 da 700 CV.

E’ stata pubblicata sul social network Facebook una foto che ritrae in forma praticamente definitiva la nuova Lamborghini V12, chiamata a sostituire la Murcielago, uscita di scena dopo 10 anni di onorata carriera. Le prime fonti parlavano dell’ennesima foto rubata, invece in seguito si è scoperto che l’immagine è stata scattata durante un evento Lamborghini, e quindi avrebbe tutto il sapore dell’ufficialità.

Nella foto si può ammirare la splendida sportiva del Toro avvolta esclusivamente in una leggera camuffatura, caratterizzata da un sottile strato di nastro nero da cui si può scorgere la vernice originale di colore arancione. Il design molto aggressivo, chiaramente ispirato alla Reventon, è contraddistinto da linee nette e spigoli vivi, il muso estremamente basso vanta uno splitter molto pronunciato; poco più sopra si possono notare le grandi feritore sormontate dai gruppi ottici dalla forma trapezoidale.

Le enormi potenzialità della vettura sono rimarcate anche dai fianchi estremamente larghi, enfatizzati dalle prese d’aria posizionate a ridosso dei passaruota posteriori. Una delle novità più importanti sarà l’inedita scocca realizzata in gran parte in fibra di carbonio, che regalerà un minore peso e contemporaneamente una maggiore rigidità.[!BANNER]

Purtroppo la foto non riesce a dare informazioni sulle dimensioni della supersportiva italiana, la quale non dovrebbe discostarsi troppo dalla Murciélago, mentre per quanto riguarda il nome con cui verrà battezzata si dà ormai per certo lo spagnolo Aventador”. L’unica cosa che sembra certa è il cuore che spingerà il nuovo bolide della Casa di Sant’Agata bolognese: l’inedito V12 6,5 litri conosciuto con il nome di progetto L539, in grado di sprigionare ben 700 CV.