Opel: la coupé Calibra tornerà, parola di presidente

Opel farà debuttare una versione coupé dell’Insigna, che rinverdirà i fasti della mitica Calibra. Lo ha annunciato Nick Reilley, presidente GM Europa

Opel: la coupé Calibra tornerà, parola di presidente

Tutto su: Opel

di Andrea Zuanni

26 novembre 2010

Opel farà debuttare una versione coupé dell’Insigna, che rinverdirà i fasti della mitica Calibra. Lo ha annunciato Nick Reilley, presidente GM Europa

A volte ritornano: a 13 anni dalla sua scomparsa, si torna a parlare della Opel Calibra. Una coupè di fascia medio -alta che seppe conquistare i consensi degli appassionati per tutti gli anni ’90, raccogliendo 240 mila ordini in 8 anni. Nick Reilley, presidente di GM Europe, ha annunciato una nuova Calibra, che si prefigura ben più carismatica della austera Astra Coupè di Bertone, che ne raccolse l’eredità fino al 2005.

La nuova Calibra si posizionerà un gradino sopra l’Astra Coupè GTC e rappresenterà la variante sportiva dell’Insignia, con la quale condividerà pianale e componentistica. La linea sarà fortemente ispirata alla GTC Concept esposta al Salone di Ginevra del 2007, allora premonitrice dei contenuti stilistici dell’Insignia.

Le dimensioni saranno importanti, per fare concorrenza all’Audi A5, alla Renault Laguna coupé ed alla BMW serie 3 coupé, ma la forma spiovente del tetto e la sagoma a cuneo ricorderanno l’antenata. Come la vecchia Calibra anche la futura coupè potrà disporre della trazione integrale, tuttora adottata dall’Insignia, e conterà su potenti propulsori a benzina turbocompressi.[!BANNER]

Il top di gamma dovrebbe montare il V6 2.8 Turbo dell’Insignia OPC per erogare una potenza massima superiore ai 320 cv ed affrontare ad armi pari – ma a prezzo dimezzato – l’Audi S5. Sul fronte propulsori si segnala inoltre il debutto dei nuovi iniezione diretta, mediamente più parchi del 10-15% rispetto agli attuali per quanto riguarda il consumo di benzina.

Per la nuova 2+2 di Russelheim nessuna data di lancio è stata ufficializzata, ma il debutto è previsto entro tre anni.