Renault: nuove Laguna e Laguna SporTour

Motori rivisti, linee aggiornate e tanto comfort per la Renault Laguna berlina e SporTour

Renault:  nuove Laguna e Laguna SporTour

Tutto su: Renault Laguna

di Giuseppe Cutrone

15 novembre 2010

Motori rivisti, linee aggiornate e tanto comfort per la Renault Laguna berlina e SporTour

Più aggressiva ed elegante al tempo stesso, con un abitacolo che presenta diversi particolari rivisti e nuovi rivestimenti con l’obiettivo di continuare ad offrire grande comfort. Sono queste alcune delle novità che contribuiscono a descrivere la Renault Laguna MY 2011, la media francese che è stata oggetto di un restyling di metà carriera e che si presenta così più “fresca” sia in versione berlina tre volumi che in versione wagon.

L’aspetto estetico si fa notare adesso per il frontale rinnovato, dove i fari con la presenza di una caratteristica “palpebra” e il profilo cromato della calandra centrale si uniscono al disegno del nuovo paraurti. Al posteriore si notano invece i gruppi ottici a LED e il doppio terminale di scarico cromato che regala un tocco di sportività. Ugualmente equilibrata sembra poi la linea della Laguna SporTour, che nonostante le forme da station wagon riesce a conservare intatto il dinamismo conferito dalla linea di cintura ascendente.

Dinamismo che viene sottolineato inoltre dalla presenza del telaio 4Control che si avvale di 4 ruote sterzanti per migliorare la precisione in curva, mentre l’offerta dei motori prevede due propulsori a benzina: il 2.0 16 valvole aspirato da 140 cavalli e 195 Nm di coppia massima di cui Renault dichiara un consumo di 7,5 litri/100 km ed emissioni pari a 173 g di CO2/km, con uno scatto da 0 a 100 km / h in soli 9,1 secondi per la Laguna berlina, e il più potente 2.0 16 valvole turbo che eroga una potenza di 170 cavalli e una coppia massima di 270 Nm. In questo caso i consumi medi dichiarati consistono in 8,7 litri/100 km e le emissioni di CO2 arrivano a 201 gr/km. Interessanti inoltre i 30,2 secondi necessari per percorrere un chilometro partendo da fermo.[!BANNER]

Risulterà probabilmente più appetibile, vista la tipologia di vettura e le preferenze del mercato italiano, l’offerta delle motorizzazioni diesel, che verte ovviamente su propulsori dCi partendo dal 1.6 dCi da 110 cavalli che vanta 120 g/km di emissioni e 4,7 litri/100 km di consumo, per arrivare al 2.0 dCi 130 CV offerto anche in versione da 150, 175 e 180 CV con coppia che arriva, come nel caso del più potente, fino a 400 Nm, mentre i consumi si aggirano sui 5,2 o 5,7 litri/100 km e le emissioni variano da 136 a 163 gr/km in funzione del livello di potenza scelto. Presente in tutti i motori il filtro antiparticolato (FAP), una nuova valvola EGR e alcune modifiche al sistema di iniezione.

Occhio di riguardo anche alla comunicazione, al comfort e al benessere a bordo, con la presenza di numerosi accessori che vanno dal navigatore satellitare Carminat al raffinato impianto audio 3D by Arkamys tra le altre cose.