Mazda: prime anticipazioni sulle novità per il Salone di Tokyo 2017

Due concept – su un nuovo discorso di engineering, e di prefigurazione per un futuro linguaggio stilistico -, il SUV CX-8, le serie speciali MX-5 Red Top e Mazda2 Noble Crimson attese alla rassegna di fine ottobre.

Mazda: prime anticipazioni sulle novità per il Salone di Tokyo 2017

Tutto su: Mazda

di Francesco Giorgi

10 ottobre 2017

Nuove anticipazioni in vista dell’imminente Salone di Tokyo. Per l’edizione 2017 della rassegna (in programma per il pubblico da sabato 28 ottobre a domenica 5 novembre), che si annuncia particolarmente ricca di novità – nei giorni scorsi erano stati “captati” i primi dettagli per Honda, Lexus, Subaru, Suzuki e Toyota – si aggiunge in queste ore Mazda.

Il marchio di Hiroshima, fresco di partnership tecnica con Toyota e Denso per lo sviluppo congiunto di nuove tecnologie sull’auto elettrica, comunica la propria presenza a Tokyo 2017 con l’esposizione di due concept, ciascuna delle quali rivolta ad uno specifico obiettivo: rispettivamente, la lineup di nuova generazione e il percorso evolutivo dello styling che sarà intrapreso in una nuova gamma di modelli. In più, vengono annunciate la presentazione del motore a benzina SkyActiv-X, la première del nuovo SUV CX-8 (a sua volta accompagnata da un upgrade all’unità diesel SkyActiv-D 2.2), le serie speciali MX-5 Red Top, Mazda2 Noble Crimson e una edizione aggiornata di MX-5 RF.

Nel dettaglio, e sulla scorta della vision “Sustainable Zoom-Zoom 2030” resa nota lo scorso agosto relativa alle strategie di sviluppo tecnologico della produzione Mazda a lungo termine, la filosofia adottata da Mazda per il Salone di Tokyo 2017 viene sintetizzata dal presidente ed amministratore delegato, Masamichi Kogai, in un focus sulle novità in vista della kermesse giapponese, che punta i propri riflettori sull’attenzione alle emissioni e sulle nuove tecnologie di engineering per i motori, e sullo stile delle vetture attese nei prossimi anni:

“La nostra visione a lungo termine per lo sviluppo tecnologico, illustra come Mazda spera di fare leva sul piacere di guida, un’attrattiva fondamentale nel settore automobilistico, per aiutare a risolvere i problemi che riguardano le persone, la terra e la società. Attraverso questa visione, Mazda si impegna a tagli sostanziali delle emissioni di CO2, e noi crediamo che il modo migliore per raggiungere questo obiettivo sia quello di ridurre le emissioni nella guida reale quotidiana offrendo un mix di motori a combustione e tecnologie elettriche considerando le politiche in tema di energie antinquinamento dei vari paesi. Il nostro stand di quest’anno al Tokyo Motor Show segna l’inizio di una nuova era per Mazda. Presenteremo tecnologie e il nuovo concept di design che definiranno la prossima generazione di vetture Mazda”.

Le concept Mazda attese a Tokyo 2017 vengono, in questa fase di anteprima, accompagnate da due teaser, che illustrano “a grandi linee” un disegno particolarmente sinuoso dei rispettivi corpi vettura. Bocche cucite in merito alle tecnologie di bordo: i vertici Mazda si limitano, per il momento, ad indicare che uno dei prototipi – una berlina di dimensioni compatte, che ad una prima occhiata sembrerebbe prefigurare una nuova serie di Mazda3 – sarà realizzato sulla tecnologia SkyActiv-Vehicle Architecture e verrà spinto dalla nuova unità a benzina SkyActiv-X, che sfrutta il dispositivo di accensione per compressione (principio che per più di un secolo ha costituito la peculiarità tecnica dei motori a ciclo diesel e che, con Mazda, sfrutta la cosiddetta “Spark Controlled Compression Ignition Technology”).

Minori dettagli vengono resi noti riguardo al secondo prototipo che Mazda esporrà al Salone di Tokyo: potrebbe costituire una evoluzione della Vision RX esposta a Tokyo 2015, tuttavia i “piani alti” del marchio giapponese indicano che la concept rappresenterà “Una espressione più intensa del linguaggio di design KODO acclamato a livello mondiale e che ha debuttato con la CX-5 nel 2012”.