Fiat alla conquista del mercato cinese

I piani di Fiat per la Cina comprendono la realizzazione di un nuovo impianto dove verranno prodotte 250.000 auto l’anno

Fiat alla conquista del mercato cinese

di Francesco Donnici

15 ottobre 2010

I piani di Fiat per la Cina comprendono la realizzazione di un nuovo impianto dove verranno prodotte 250.000 auto l’anno

Tutti i maggiori costruttori automobilistici si stanno attrezzando per produrre e vendere i propri prodotti in Cina, visto che lo stato asiatico lo scorso anno è divenuto il primo mercato mondiale, dopo 63 anni di dominio USA. Anche il Gruppo Fiat ovviamente non vuole lasciar perdere questa enorme occasione e sta mettendo a punto la strategia migliore per l’assalto al gigante cinese, seppur con un po’ di ritardo rispetto ad alcuni competitor a causa dell’acquisizione del Gruppo Chrysler.

I piani di Fiat per la Cina comprendono la realizzazione di un nuovo impianto nella provincia di Hunan dove, a partire dal 2011, sarà prodotta la Fiat Linea. Nel progetto verranno investiti 732.000 dollari e verrà realizzato in collaborazione con il Gruppo cinese Guangzhou, che ha avuto l’approvazione del Governo di Pechino. Hunan è una delle più grandi province della Cina centrale e sta attraversando una fase di forte sviluppo per quel che riguarda le infrastrutture, i trasporti e l’industria automobilistica.[!BANNER]

Se tutto andrà secondo i piani di Torino, oltre alla produzione della vettura, sarà inaugurata una linea di montaggio motori con lo scopo di ampliare la gamma. Quando la produzione sarà a pieno regime verranno costruite 250.000 auto e 300.000 propulsori l’anno. Oltre allo stabilimento di produzione, Fiat inaugurerà in Cina un centro di ricerca e stile.