Lotus Evora 400: in anteprima al Salone di Ginevra

400 CV, 300 km/h, 0 – 100 in 4 secondi: la Lotus più potente e veloce di sempre frutto di una ampia operazione di engineering. In vendita in estate.

Lotus Evora 400: in anteprima al Salone di Ginevra

di Francesco Giorgi

19 febbraio 2015

400 CV, 300 km/h, 0 – 100 in 4 secondi: la Lotus più potente e veloce di sempre frutto di una ampia operazione di engineering. In vendita in estate.

Lotus ha superato se stessa. Con un corposo aggiornamento al motore e una decisa evoluzione al corpo vettura (intesa come aerodinamica, design, telaio) il marchio di Hethel si prepara a svelare la Lotus più potente mai prodotta, a sua volta derivata in linea retta dalla Evora, che già detiene il ruolo di modello più performante nella storia di Lotus. Si tratta della inedita Lotus Evora 400 (dove la sigla indica la potenza in CV), un deciso passo in avanti – grazie anche alla corposa sostituzione dei componenti – nella concezione progettuale della performante Gt a motore 3.5 V6 di origine Lexus – Toyota. La nuova Lotus Evora 400 sarà presentata in anteprima ufficiale, fra poco più di due settimane, al Salone di Ginevra, in programma dal 5 al 15 marzo, per debuttare nei listini Lotus la prossima estate: le consegne inizieranno ad agosto.

Il corpo vettura della nuova Lotus Evora 400 (che, come sempre, sarà prodotta ad Hethel, interamente a mano, da una forza lavoro che nei prossimi mesi è destinata ad aumentare da 300 a 450 unità) frutto della Divisione Design di Lotus guidata da Russell Carr si segnala, rispetto alla conosciuta Evora, per un approccio all’aerodinamica tutto nuovo e improntato alle aumentate prestazioni. Più nel dettaglio, la vettura mette in mostra all’anteriore un nuovo paraurti dotato di prese d’aria maggiorate; posteriormente, si nota un nuovo spoiler in tre pezzi, che viene abbinato a un nuovo diffusore inferiore. Nel complesso, indicano i tecnici di Hethel, il carico aerodinamico risulta notevolmente aumentato: a 240 km/h è di 32 kg complessivi (12 kg all’anteriore, 20 kg al posteriore), laddove la Evora S si ferma a 16 kg complessivi, mentre il peso complessivo della vettura, grazie anche a un maggiore impiego di materiali compositi nella carrozzeria, si ferma a 1.415 kg, vale a dire più di tre quintali in meno rispetto alla “normale” Evora. Le ruote sono formate da nuovi cerchi da 19″ all’anteriore e 20″ al posteriore (anche qui i tecnici Lotus sono stati attenti ai pesi: i nuovi cerchi, rispetto a quelli montati a bordo delle Evora in listino, fanno guadagnare 3,3 kg), che montano pneumatici Michelin Pilot Super Sport da 235/35 – 19 all’avantreno e 285/30 – 20 al retrotreno. I freni a dischi forati e autoventilanti, nella nuova Lotus Evora 400 sono da 370×32 mm all’anteriore e 350×30 mm al posteriore.

Anche all’interno, la nuova Lotus Evora 400 si segnala per un approccio “racing”: nuovi sedili anatomici dal guscio in fibra di carbonio (che pesano 3 kg ciascuno), sedili posteriori anch’essi più leggeri, volante in lega di magnesio. Rinnovate anche la strumentazione e la consolle centrale; fra le novità tecnologiche, da segnalare un inedito sistema infotainment.

Riguardo alla motorizzazione, per la nuova Lotus Evora 400 l’origine non cambia: si tratta del noto V6 da 3,5 litri, sovralimentato mediante compressore volumetrico e dotato di un inedito scambiatore acqua – aria, di origine Lexus – Toyota, che in questo caso è stato sottoposto a un deciso programma di aggiornamenti, che oltre alla sovralimentazione rivisitata riguardano l’elettronica di gestione e l’impianto di scarico, sostituito con un elemento a catalizzatore sportivo ed elettrovalvola per l’ottimizzazione del flusso dei gas di scarico. In questa configurazione, la Lotus Evora 400 sprigiona 400 CV e 410 Nm di coppia massima, disponibile da 3.500 a 6.500 giri/min (in termini di paragone, questo vuol dire il 16% circa di potenza in più dai 345 CV erogati da Lotus Evora). Gli interventi al gruppo propulsore riguardano inoltre l’adozione di un nuovo [glossario:differenziale] di tipo [glossario:torsen] a slittamento limitato (per la versione a cambio manuale), levette al volante (per la Evora 400 con [glossario:cambio-automatico] a sei rapporti) e, per tutte, l’introduzione di una nuova frizione rinforzata e un nuovo volano a bassa inerzia per garantire cambi marcia rapidi e agevoli.

Su strada, le prestazioni comunicate da Lotus per la nuova Evora 400 sono di un’autentica supercar: la velocità massima è di 300 km/h, mentre l’accelerazione da 0 a 100 km/h richiede appena 4,1 secondi. In confronto alla Evora più potente, cioè la “S”, nel tempo sul giro al circuito di prova di Hethel il cronometro si ferma sei secondi prima: una performance equivalente a quella della agilissima Lotus Exige S.

 

No votes yet.
Please wait...