Come annunciato, ecco la piccola Aston Martin

Si chiama Cygnet e potrebbe prefigurarsi come un esclusivo "tender" da città per chi ha già in garage una DB9. La base è la Toyota iQ

Aston Martin Cygnet al Salone di Ginevra 2010

Altre foto »

Chi possiede una DB9 o una V8 non può avventurarsi nel vorticoso traffico cittadino senza una citycar altrettanto raffinata. Per questo l'Aston Martin ha creato la Cygnet, una city-car costruita sulla base della Toyota iQ, ma curata con il consueto standard delle blasonate sportive d'oltre manica.

Anche l'esterno rappresenta un palese richiamo alle sorelle maggiori, soprattutto nel frontale che presenta la tipica calandra Aston Martin. Niente di rivoluzionario dal punto di vista meccanico.

I tecnici inglesi non hanno intenzione di modificare una base deputata a garantire grande affidabilità. Cambierà solo la forma della IQ: un lifting che farà lievitare il prezzo di quasi due volte rispetto a quello della cugina giapponese.

Se vuoi aggiornamenti su ASTON MARTIN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 03 marzo 2010

Altro su Aston Martin

Aston Martin DB11 by Wheelsandmore: ancora più aggressiva
Tuning

Aston Martin DB11 by Wheelsandmore: ancora più aggressiva

La factory tedesca specializzata in elaborazioni su Gt di altissima gamma sviluppa un programma rivolto all’ultima nata di Gaydon.

Aston Martin Vanquish S Red Arrows: ispirata al volo acrobatico
Anteprime

Aston Martin Vanquish S Red Arrows: ispirata al volo acrobatico

Nove unità firmate Q by Aston Martin, più una che andrà in beneficenza: la serie speciale Red Arrows rievoca l’omonima squadra RAF di volo acrobatico.

Aston Martin: il primo teaser del SUV
Anteprime

Aston Martin: il primo teaser del SUV

Con la formale presa in possesso dell'ex – base RAF di St. Athan, Aston Martin inizia l’iter di costruzione degli impianti. Il Suv atteso per il 2019.