Nuova Maserati Quattroporte Sport GT S

Al NAIAS il Tridente presenta la nuova variante sportiva della berlina Quattroporte: lusso e sportività in salsa modenese

Esistono in natura forme così compiute da rendere inimmaginabile qualsiasi evoluzione che non  ne comprometta irrimediabilmente l'equilibrio formale e l'efficienza. Non è così per Maserati, che con la nuova Quattroporte Sport GT S, punta a superare i fasti della generazione precedente. La nuova Quattroporte Sport GT S vede la luce a Detroit nel 70° anniversario della prima vittoria Maserati a Indianapolis.

Design e propulsore aggiornati

Nell'odierna versione "GT S", la consueta allure della berlina modenese sublima nella quintessenza di eleganza e sportività, grazie a sostanziali e mirati interventi. Un sapiente maquillage riattualizza l'appeal della vettura conferendole un dinamismo più accentuato. L'inedito profilo dei paraurti, i cerchi in lega da 20" dedicati e la nuova calandra, da cui risulta ora più evidente la parentela con la Granturismo (grazie alle alette brunite e convesse disposte in posizione verticale), sottolineano la vocazione corsaiola della Quattroporte Sport GT S, che riceve una generosa iniezione di potenza sotto il cofano, dove scalpitano i 440 CV a 7000 giri/min del nuovo propulsore 4.7 V8, in grado di erogare una coppia pari a 400 Nm a 4750 giri/min.

Capace rispettivamente di 10 CV in più del motore che equipaggia la Quattroporte S e di 25 CV in più del "vecchio" 4.2 V8 che ne spinge tuttora l'"entry level", la nuova motorizzazione, derivata dalla Granturismo, consente alla "GT S" di raggiungere i 285 km/h, facendole toccare i 100 km/h nell'arco di appena 5,1 secondi. Valori di assoluto rilievo, frutto di un radicale ripensamento dell'impianto di scarico racing, i cui terminali ellittici promettono di sprigionare un sound che parla il dialetto modenese.

Non proprio parchi, benchè perfettamente in linea con le prestazioni, sono i consumi, che la Casa emiliana quantifica in 9 litri/100 km nel ciclo urbano, 10,5 lt/100 km nell'extraurbano e 14,7 lt/100 km nel combinato.

Una guida estremamente reattiva è assicurata dalla nuova taratura delle sospensioni, ulteriormente irrigidite del 30% sulla parte anteriore e del 10% al posteriore, con una riduzione dell'altezza dal suolo rispettivamente di 10 mm e di 25 mm: modifiche che, unitamente a una ripartizione dei pesi leggermente sbilanciata verso l'estremità posteriore (51%)  preannunciano una sostanziale riduzione dei trasferimenti di carico e un assetto più stabile durante i cambi di direzione.

Un sistema di frenatura ad alte prestazioni, appositamente concepito dalla Brembo, assicura saldamente le redini di questo purosangue alla mano del suo gentleman driver, servendosi di dischi freno da 360 mm che beneficiano della tecnologia dual-cast, un particolare processo costruttivo che abbina le prestazioni alle alte temperature della ghisa sulla superficie frenante alla leggerezza del mozzo in alluminio. Il programma di stabilità Maserati (MSP) integra inoltre i classici sistemi di sicurezza ABS ed EBD.

Altro su Maserati Quattroporte

Maserati Quattroporte MY 2017: primo contatto
Ultimi arrivi

Maserati Quattroporte MY 2017: primo contatto

Estetica rivista e tante novità tecnologiche per l’ammiraglia del Tridente.

Maserati Quattroporte restyling: l’ammiraglia si rinnova
Anteprime

Maserati Quattroporte restyling: l’ammiraglia si rinnova

La Casa del Tridente aggiorna la Maserati Quattroporte con una nuova estetica e la farcisce di dispositivi di aiuto alla guida.

Maserati Quattroporte by Novitec Tridente
Tuning

Maserati Quattroporte by Novitec Tridente

Particolari in carbonio e più CV sotto il cofano per il tuning sull’ammiraglia Maserati.