Suzuki Kizashi: la “media sportiva” è pronta per l’Europa

Già in vendita negli USA, sarà presentata per i nostri mercati al Salone di Ginevra. Ha segnato il debutto del marchio fra le berline medie

Suzuki Kizashi: la "media sportiva" è pronta per l'Europa

di Francesco Giorgi

01 febbraio 2010

Già in vendita negli USA, sarà presentata per i nostri mercati al Salone di Ginevra. Ha segnato il debutto del marchio fra le berline medie

Al Salone di Ginevra, in programma dal 4 al 14 Marzo, la Suzuki presenterà una versione destinata all’Europa della sua recente “media” Kizashi, lanciata la scorsa estate per il solo mercato USA.

La Kizashi, già commercializzata negli Stati Uniti, si segnala come una vettura che strizza l’occhio al gusto europeo. Il suo stile, infatti, ripropone dei particolari stilistici già visti in alcune vetture prodotte nel Vecchio continente (su tutti: la Volkswagen Jetta, particolare reso più evidente dalla forma della mascherina anteriore).

Con questo modello, che l’anno scorso ha segnato il debutto della Casa giaponese nel settore delle vetture di classe “media”, la Suzuki intende così fare il grande passo: ovvero l’ingresso in Europa.

Pensiamo, tuttavia, che non sarà facile, data la grande varietà di modelli appartenenti allo stesso segmento già presenti sulle nostre strade. In più, la motorizzazione scelta non aiuterebbe certo la Kizashi a farsi strada. Attualmente, infatti, questa vettura viene equipaggiata con un motore 2,4 litri, a quattro cilindri e doppio albero a camme in testa, con blocco e testata in alluminio, della potenza di 178 CV.[!BANNER]

Al 2.4 è abbinato un cambio manuale a sei rapporti (in alternativa è possibile dotare la Kizashi di una trasmissione a variazione continua) e una trazione che è possibile scegliere anteriore o integrale a inserimento.

Si tratta, dunque, di una vettura dalle forme piuttosto convenzionali (berlina tre volumi, cinque posti, lunga 4,65 metri, larga 1,80 e di 2,70 metri di passo), ma di spirito sportivo. Forse un po’ troppo, vista la cilindrata, più vicina ai gusti degli automobilisti degli Stati Uniti rispetto a quelli europei.