L'anno prossimo l'elettrica di Citroen

Citroen ha annunciato la citycar a propulsione elettrica. Si chiama C-Zero e in pratica è la Mitsubishi i-MiEV. Arriverà per la fine del 2010

La sfida delle vetture a emissioni zero non si ferma più. Dopo Renault, stavolta è Citroen che annuncia l'introduzione nei listini per fine 2010 della C-Zero, la prima utilitaria elettrica del Double Chevron. Imparentata con la Mitsubishi i-Miev, la C-Zero ha dimensioni compatte: misura 3,48 metri di lunghezza, e con un diametro di sterzata dichiarato inferiore ai 9 metri, si annuncia come un'efficace soluzione per la mobilità urbana. La C-Zero è in pratica una piccola monovolume a 5 porte, e come la cugina giapponese può ospitare 4 persone.

Emissioni zero. Questo è l'imperativo che si prefigge il Gruppo PSA con la C-Zero. Il motore è di tipo sincrono a magnete permanente, in grado di sviluppare una potenza di 47 kW (64 CV) a un regime compreso tra 3.000 e 6.000 giri/min. Il valore di coppia dichiarato, 180 Nm, lo si può già ottenere da 0 a 2.000 giri. Al propulsore elettrico vengono abbinate batterie al litio da 50 Ah che assicurano 16 kW/h di energia. Gli accumulatori sono montati in posizione centrale sotto al pianale. La trazione è posteriore e avviene attraverso un riduttore monovelocità.

Due differenti modalità di ricarica degli accumulatori. La ricarica completa dura, secondo i dati dichiarati dalla Casa, 6 ore mediante il collegamento del cavo di alimentazione a una comune "presa" domestica da 220 V. In alternativa, è possibile procedere ad una ricarica parziale (80%) in 30 minuti, ma sarà necessario disporre di un collegamento a una presa dedicata che eroga corrente monofase da 125 A - 400 V e una potenza energetica di 50 kW.

In marcia, la C-Zero si guida come una qualsiasi vettura equipaggiata con il cambio automatico. Prestazioni: velocità massima 130 km/h, accelerazione da 0 a 100 km/h in circa 15 secondi e ripresa da 60 a 90 km/h in 6 secondi. L'autonomia è di circa 130 km.

I primi esemplari andranno alle flotte aziendali. Dotazione di serie piuttosto ricca: servosterzo, ABS, ASR, ESP, vetri elettrici, 6 airbag, climatizzatore automatico e dispositivo telematico autonomo per le chiamate d'emergenza.

Ricapitolando quindi, per quel che riguarda le vetture francesi elettriche, da una parte c'è Renault, con Zoe Z.E. Concept, Kangoo Z.E., Be Bop Z.E., Fluence Z.E., Twizy Z.E. Concept. Dall'altra, il Gruppo PSA Peugeot - Citroen, con Peugeot i-On, Citroen C-Zero C-Zero, Berlingo First Electrique (realizzata in collaborazione con Venturi), e Citroen DS5 Full Hybrid, il cui debutto è previsto per il 2011.

Se vuoi aggiornamenti su CITROËN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 10 novembre 2009

Altro su Citroën

Citroen SpaceTourer, multi-spazio ricca di qualità
Aziendali

Citroen SpaceTourer, multi-spazio ricca di qualità

Spazio e comfort non mancano e non penalizzano prestazioni e sensazioni di guida, simili a quelle che si ricevono dai monovolume dalle "taglie forti".

Citroen C-Zero: la prova su strada
Prove su strada

Citroen C-Zero: la prova su strada

Compatta e agile nel traffico, è perfetta per la città e i viaggia comodi in quattro adulti. L’autonomia non supera i 100 km.

Citroen: le novità al Motorshow di Bologna 2016
Anteprime

Citroen: le novità al Motorshow di Bologna 2016

Citroen sarà presente alla kermesse bolognese con le sue ultime novità affiancate dai modelli che hanno scritto la storia del marchio.