Skoda Rapid e Rapid Spaceback: restyling al Salone di Ginevra

Un leggero maquillage al corpo vettura, aggiornate funzionalità infotainment e debutto del 1.0 TSI tre cilindri fra le novità della nuova gamma.

Skoda Rapid e Rapid Spaceback: restyling al Salone di Ginevra

di Francesco Giorgi

07 marzo 2017

Un leggero maquillage al corpo vettura, aggiornate funzionalità infotainment e debutto del 1.0 TSI tre cilindri fra le novità della nuova gamma.

Al Salone di Ginevra 2017, che apre giovedì 9 al pubblico per concludersi domenica 19 marzo, Skoda presenta l’edizione Model Year 2017 di Skoda Rapid, la compatta – bridge tra Fabia e Octavia, declinata nelle due versioni berlina tre volumi e Spaceback, ovvero berlina due volumi.

Il rinnovamento sviluppato dai tecnici del marchio boemo per Skoda Rapid e Rapid Spaceback MY 2017, già anticipato nelle scorse settimane, riguarda un generale aggiornamento negli allestimenti, nella connettività di bordo, in una serie di dettagli del corpo vettura e nelle motorizzazioni, attraverso l’introduzione delle unità 1.0 TSI.

Dal punto di vista estetico, le nuove Skoda Rapid e Rapid Spaceback MY 2017 in anteprima al Salone di Ginevra presentano un aggiornato disegno nella zona anteriore, più in linea con l’identità stilistica propria delle novità più recenti. Nuovo disegno dei fendinebbia, fanaleria bi – xeno (con sistema high – beam assistant) e luci di posizione a tecnologia Led; un’ampia scelta di cerchi (da 16″ e 17″) e, relativamente a Spaceback, un più ampio lunotto, rappresentano il restyling operato su entrambi i modelli.

Queste le dimensioni del corpo vettura e la capacità di carico: Skoda Rapid MY 2017 misura 4,48 m di lunghezza, 1,71 m di larghezza, 1,46 m di larghezza; per Skoda Rapid Spaceback, la lunghezza misura 4,3 m. La capacità del bagagliaio ammonta, rispettivamente, a 550 e 415 litri (Rapid e Rapid Spaceback).

L’equipaggiamento di Skoda Rapid e Rapid Spaceback MY 2017 prevede, fra le novità di rilievo, l’adozione di due prese USB a disposizione degli occupanti i sedili posteriori, di un hotspot Wlan, che consente la connessione per conducente e passeggeri e l’accesso alle funzionalità infotainment online (informazioni sul traffico, indicazione dei distributori di carburante e il prezzo di benzina e gasolio; individuazione delle aree di parcheggio, previsioni meteo e notizie), nonché i servizi CareConnect: questi ultimi (che, fra l’altro, prevedono la chiamata automatica d’emergenza) sono disponibili per tutte le varianti di equipaggiamento.

Sotto il cofano, Skoda Rapid e Rapid Spaceback MY 2017 portano in dote, quale motorizzazione di accesso alla gamma, l’adozione della piccola unità a benzina 1.0 TSI tre cilindri, declinata su due livelli di potenza: 95 e 110 CV e, secondo i dati Skoda, permette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 9″8 e 11″ e un consumo a ciclo medio di 4,4 – 4,5 litri di benzina per 100 km, con valori di emissioni di CO2 nell’ordine di 101 e 104 g/km. Il 1.0 TSI, che sostituisce il precedente 1.2 TSI, viene affiancato nella gamma Rapid e Rapid Spaceback MY 2017 dal 1.4 TSI benzina da 125 CV e, riguardo alle versioni turbodiesel, dal 1.4 TDI 90 CV (consumo medio 3,9 litri di [glossario:gasolio] per 100 km e 103 g/km di emissioni di CO2); e dal 1.6 TDI 116 CV (4,7 l/100 km e 107 g/km di CO2).

La dotazione di sicurezza attiva comprende: ESC, Multi – Collision Brake e Trailer – Stabilization Programme. L’equipaggiamento prevede, inoltre, Fatigue Detection e Front Assist con funzione di frenata d’emergenza, Park Distance Control, fendinebbia con luci di svolta integrate e sistema Hill – Climb Assist di assistenza nelle partenze in salita.