SCG003S: al Salone di Ginevra la hypercar di Glickenhaus

Confermata la presenza a Ginevra (9 – 19 marzo) della SCG003 in versione "stradale": design e realizzazione della vettura sono made in Italy.

James Glickenhaus SCG 003: i primi teaser

Altre foto »

Una hypercar sviluppata espressamente per stupire gli appassionati. Di più: c'è il Nurburgring fra i traguardi dei suoi progettisti, e nello specifico i tempi - monstre da meno di 7 minuti fatti segnare da Radical SR8LM, Radical SR8 e Porsche 918 su giro alla Nordschleife (attualmente, la Gt tedesca detiene il primato fra i modelli di attuale produzione). Il tutto sarà realizzato con un fattivo contributo di engineering italiano. Ecco, in estrema sintesi, la carta d'identità che accompagna il progetto SCG003S, edizione "stradale" della supercoupé voluta - e finanziata - dal collezionista newyorkese Jim Glickenhaus.

La première della SCG003S è fissata all'imminente Salone di Ginevra, in programma dal 9 al 19 marzo. Si tratta di una conferma, che arriva in queste ore: già lo scorso autunno avevamo pubblicato le prime indicazioni relative alla nuova hypercar.

Adesso, arrivano nuovi dettagli, e promettono di essere particolarmente ghiotti per gli enthusiast di vetture che abbinano tanta potenza e tecnologia di ultima generazione.

La SCG003S (sigla che sta per "Scuderia Scuderia Cameron Glickenhaus", dal nome della invidiabile raccolta di modelli di grande pregio che compongono la collezione del 66enne ex produttore cinematrografico ed ex "guru" di Wall Street) porta la firma di Paolo Garella - già responsabile delle divisioni Prototype Engineering and Manufacturing Department e successivamente del reparto Special Projects in Pininfarina - e di MAT (Manifattura Automobili Torino) per la realizzazione a mano del corpo vettura.

In sostanza, le realtà che in passato avevano portato avanti lo sviluppo dei prototipi P4/5 e 4/5 Competizione, le supercar che idealmente hanno costituito una continuazione dalle legendarie 330 P3 e P4 del biennio 1966 - 67 (ricordiamo che, oltre ad aver preso parte alla 24 Ore del Nurburgring nel 2011 e nel 2012, la P4/5 Competizione M fermò i cronometri sul giro a Nurburgring in 6'51").

I numeri che accompagnano le prime conferme sulla SCG003S che vedremo al Salone di Ginevra la dicono lunga sulle potenzialità della hypercar italoamericana:  telaio monoscocca in fibra di carbonio, per un peso indicato in 1.300 kg, e alle spalle dell'abitacolo una versione (ulteriormente "riveduta e corretta") del V8 Bmw TwinTurbo da 4,4 litri con lubrificazione a Carter secco. La potenza dichiarata dalla SCG003S è nell'ordine di 800 CV, e più di 850 Nm di coppia massima. Da urlo le prestazioni: 350 km/h di velocità massima, circa tre secondi per il passaggio da 0 a 100 km/h. Da segnalare, in virtù dell'estrema cura impostata al corpo vettura, l'elevato carico aerodinamico - più di 700 kg già a 250 km/h - che dovrebbe consentire alla vettura un'accelerazione laterale di 2G.

Nei prossimi giorni le caratteristiche tecniche della SCG003S saranno ulteriormente arricchite con nuovi dettagli. La hypercar di Glickenhaus verrà realizzata in piccola serie: il prezzo di vendita non è stato indicato (occorrerà attendere l'apertura del Salone di Ginevra per saperne di più): non stupirebbe, tuttavia, se l'importo dovesse attestarsi sul milione di euro.

 

Se vuoi aggiornamenti su SCG003S: AL SALONE DI GINEVRA LA HYPERCAR DI GLICKENHAUS inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 20 febbraio 2017

Vedi anche

Seat conferma: nel 2018 arriverà il maxi Suv

Seat conferma: nel 2018 arriverà il maxi Suv

Sarà progettato a Martorell e costruito a Wolfsburg sulla piattaforma MQB A2; e Seat festeggia il migliore risultato operativo della propria storia.

Skoda: una low cost per l’India nel 2019

Skoda: una low cost per l’India nel 2019

La vettura farebbe parte di un accordo tra il Gruppo Volkswagen e Tata

McLaren BP23: un teaser anticipa la hyper-GT

McLaren BP23: un teaser anticipa la hyper-GT

106 esemplari, tutti già prenotati, per la nuova coupé che inaugurerà la filosofia "hyper-GT" per Woking: ecco un dettaglio di anteprima.