Aston Martin Vanquish S Volante: attesa al Salone di Ginevra

Ecco le prime immagini della inedita versione roadster di Vanquish S, la supercoupé di Gaydon da 600 CV: sarà sul mercato entro la prossima estate.

Aston Martin Vanquish S Volante: attesa al Salone di Ginevra

di Francesco Giorgi

30 gennaio 2017

Ecco le prime immagini della inedita versione roadster di Vanquish S, la supercoupé di Gaydon da 600 CV: sarà sul mercato entro la prossima estate.

Aston Martin si prepara a portare al debutto una nuova declinazione per la recentissima Vanquish S, supercoupé di rappresentanza del segmento “alto di gamma” nella produzione di Gaydon presentata lo scorso novembre al Salone di Los Angeles. Si tratta di Aston Martin Vanquish S Volante, denominazione che – come da tradizione Aston Martin – indica le versioni cabriolet delle Gt di Gaydon.

La Aston Martin Vanquish S Volante viene anticipata in queste ore dalle prime immagini; il debutto “dal vivo” è atteso all’imminete Salone di Ginevra, in programma dal 9 al 19 marzo. Il lancio commerciale sarà fissato più avanti: si può tuttavia ipotizzare che la nuova Vanquish S Volante debutterà in listino (a un prezzo che si prevede superiore rispetto ai 262.000 euro della Vanquish S Coupé) entro la prossima estate.

La Vanquish S Volante deriva interamente dalla Coupé che era stata esposta a Los Angeles di novembre 2016, quale modello high performance – e dalle inedite soluzioni aerodinamiche – di una gamma Aston Martin che, col tempo, complice l’arrivo della DB11 da 608 CV, aveva suggerito ai tecnici di Gaydon lo sviluppo di una versione ancora più potente per Vanquish.

Nel dettaglio, l’identità stilistica della nuova Aston Martin Vanquish S Volante (la cui peculiarità stilistica è – ovviamente – l’assenza del tetto rigido e dei montanti centrali e posteriori, sostituiti dalla capote in tela, la cui tecnologia di movimento apri – chiudi sarà svelata più avanti), stando alle prime immagini “captate” dal Web, è pressoché identica alle linee della recentissima sorella Coupé: un bodykit – con elementi in alluminio e in fibra di carbonio volutamente lasciati “a vista” – che comprende un nuovo splitter anteriore e un diffusore posteriore di nuovo disegno, unitamente alle due coppie di terminali di scarico anch’essi oggetto di un re-engineering rispetto a Vanquish. Saranno sicuramente disponibili alcuni accessori a richiesta ideati nei mesi scorsi per Aston Martin Vanquish S: dai sottili profili aerodinamici supplementari (sempre in carbonio) per il cofano motore a un esclusivo set di cerchi da 20″ dall’inedito disegno a cinque razze e finitura diamantata, alla possibilità di arricchire l’esterno vettura con motivi grafici sviluppati ad hoc. Dal punto di vista della scocca, è lecito attendersi, per l'”ossatura” di Aston Martin Vanquish S Volante, la presenza di elementi di rinforzo, in modo da compensare l’assenza del tetto e dei montanti centrali e posteriori.

Sotto il cofano, nessuna sorpresa: la nuova Aston Martin Vanquish S Volante sarà equipaggiata con una… vecchia conoscenza: si tratta dell’unità V12 da 6 litri, “aspirata” che già trova posto nel vano motore di Vanquish S. Il 6.0 V12 ha ricevuto un ampio aggiornamento attraverso lo studio di un nuovo sistema di aspirazione e la realizzazione di un altrettanto nuovo impianto di scarico. Il 6.0 V12 di Vanquish S, abbinato al cambio Touchtronic III ad otto rapporti, sviluppa ora una potenza di 600 CV e 630 Nm di coppia massima. Pressoché invariati i valori prestazionali attesi dalla nuova Aston Martin Vanquish S Volante: accelerazione da 0 a 100 km/h in 3″7 (poco di più, dunque, rispetto ai 3″5 della Coupé) e oltre 320 km/h la velocità massima.

 

No votes yet.
Please wait...