Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit

Al NAIAS l’inedita versione a passo lungo e tre file di sedili che prepara il debutto negli Usa della Tiguan recentemente rinnovata in Europa.

Volkswagen Tiguan Allspace: debutta al Salone di Detroit

Tutto su: Volkswagen Tiguan

di Francesco Giorgi

10 gennaio 2017

Al NAIAS l’inedita versione a passo lungo e tre file di sedili che prepara il debutto negli Usa della Tiguan recentemente rinnovata in Europa.

In perfetto orario sulla “tabella di marcia” anticipata lo scorso dicembre al momento delle prime notizie, Volkswagen si prepara a portare al debutto la inedita Tiguan Allspace, edizione a passo lungo rispetto all’attuale nuova generazione venduta in Europa. Il vernissage si tiene in questi giorni, al Salone di Detroit 2017, dove il programma di lancio oltreoceano della nuova generazione Tiguan coincide con l’ingresso della declinazione “Allspace”.

Le prime immagini, diffuse come teaser, erano state rese note dalla stessa Volkswagen alla vigilia della “pausa” natalizia: un certo scalpore aveva suscitato l’impostazione piuttosto sportiva conferita alla inedita Tiguan Allspace, che nella versione di anteprima esposta al NAIAS 2017 risulta soltanto leggermente “ingentilita” rispetto alle bozze di anticipazione del mese scorso. Nel complesso, il corpo vettura conferma l’immagine simpaticamente sportiva dei teaser (uno stile che si allinea con l’attuale impronta stilistica della produzione Volkswagen), una scelta apprezzabile se si considera le finalità familiari della inedita versione Allspace di Volkswagen Tiguan.

Dati alla mano, indicano i vertici Volkswagen, la nuova Tiguan Allspace (per la quale una versione corrispondente sarà realizzata per il mercato cinese) – allestita sulla ormai nota piattaforma modulare Mqb (Modularer Querbaukasten), “base” che ha debuttato nel 2012 per Audi A3 e Golf 7 e destinata progressivamente a costituire l’ossatura di tutti i modelli di media gamma del Gruppo Vag – Volkswagen Audi e che consente di ottenere un certo risparmio di peso – risulta aumentata nelle dimensioni esterne del corpo vettura in confronto all’attuale “nuova” Tiguan MY 2016: in virtù di 110 mm in più al pianale Mqb (che misura 2.790 mm) e un “passo” allungato di 40 mm, la lunghezza “fuori tutto” di Tiguan Allspace si attesta su 4,7 m.

Le aumentate dimensioni esterne si traducono, in termini di utilizzo su strada, in un 57% di capacità di carico in più (ricordiamo, a questo proposito, che nella recentemente rinnovata Volkswagen Tiguan MY 2016 la capienza del bagagliaio era aumentata da 470 a 615 litri nel normale assetto di marcia, e 1.655 litri a sedili posteriori completamente abbassati). “Ovviamente” adeguata alle nuove caratteristiche interne la disposizione dello spazio per gli occupanti: la nuova Volkswagen Tiguan Allspace che debutta in anteprima al Salone di Detroit dispone (di serie sui modelli a trazione anteriore; a richiesta sulle versioni a trazione integrale secondo il consueto schema 4Motion specifico di Volkswagen) della terza fila di sedili. L’allestimento comprende, inoltre, la seconda fila di sedili scorrevole di 180 mm circa e con schienali frazionati a schema 40 : 20 : 40. La dotazione – che ricalca quella proposta a bordo di Tiguan “europea” – comprende, fra gli altri, la strumentazione “Digital Cockpit”, il dispositivo infotainment compatibile con gli standard Apple CarPlay e Android Auto, il Cruise control adattivo arricchito con la funzionalità Stop&Go e, relativamente ai sistemi di ausilio alla guida, Forward Collision warning con Front Assist e Pedestrian Monitoring, Lane Assist e Blind Spot Monitor con Rear Traffic Alert.  Disponibili il tetto panoramico e l’apertura “hands – free” del portellone.

Sotto il cofano, la nuova Volkswagen Tiguan Allspace viene equipaggiata unicamente con l’unità 2.0 TSI turbocompressa e a iniezione diretta da 184 CV, abbinata al [glossario:cambio-automatico] a otto rapporti.