Bentley Continental Supersports MY 2017: anteprima al Salone di Detroit

La Bentley più potente e veloce si svela al NAIAS 2017: nuovi dettagli racing, 710 CV sotto il cofano, 336 km/h la velocità massima.

Bentley Continental Supersports MY 2017: anteprima al Salone di Detroit

di Francesco Giorgi

09 gennaio 2017

La Bentley più potente e veloce si svela al NAIAS 2017: nuovi dettagli racing, 710 CV sotto il cofano, 336 km/h la velocità massima.

In attesa di conoscere ulteriori dettagli in merito alla futura “supercoupé” di Crewe della quale, nelle scorse settimane, erano state avanzate nuove indiscrezioni, Bentley svela al Salone di Detroit 2017 una rinnovata edizione di Continental Supersports, versione “riveduta e corretta” della precedente declinazione che aveva debuttato nel 2009.

La nuova Bentley Continental Supersports, che sarà disponibile nelle due versioni Coupé e Cabrio (“Convertible”) si colloca – indica una nota diramata dai vertici del marchio della “B” alata – ai vertici della produzione Bentley quanto a finiture e valori prestazionali: i secondi complementari alle prime, per un risultato che sembra già confermare il preciso indirizzo conferito dai “piani alti” di Crewe alla nuova produzione Bentley: “Il marchio assumerà un’immagine ancora più dinamica, in sintonia con l’identità giovane degli appassionati delnostro marchio – era stata l’anticipazione avanzata dal numero uno di Bentley, Wolfgang Durheimer, ai taccuini della stampa di oltremanica – Anche per questo abbiamo valutato attentamente l’eventualità di realizzare il Suv compatto, che potrebbe confrontarsi con una concorrenza premium, anziché luxury che rimane il nostro settore di riferimento”.

Il corpo vettura della nuova Bentley Continental Supersports MY 2017 si segnala per l’adozione di un esclusivo bodykit (“ovviamente” in fibra di carbonio) formato da paraurti anteriore e posteriore di nuovo disegno, arricchiti con prese d’aria di maggiori dimensioni e un nuovo [glossario:diffusore] inferiore; bandelle sottoporta (“minigonne”) e nuovo spoiler posteriore; nuovo anche il disegno dei cerchi da 21″, che montano un set di pneumatici da 275/35 – 21. L’impianto frenante carboceramico, si avvale di dischi da 420 mm all’avantreno e 356 mm al retrotreno. A richiesta, l’estetica della vettura può essere ulteriormente impreziosita con un pacchetto “X Specification“, che propone undici nuove tinte carrozzeria, gusci degli specchi retrovisori (in fibra di carbonio) ridisegnati ed esclusivi battitacco. Resta a disposizione del singolo cliente il programma “su misura” a cura di Mulliner, lo storico partner Bentley in grado di accontentare le esigenze individuali.

Oltre che nell’impostazione generale del corpo vettura, la rinnovata immagine ultrasportiva per la nuova Bentley Continental Supersports MY 2017 si riflette sotto il cofano: l’unità motrice resta il collaudato V12 da 6 litri di cilindrata, sovralimentato con doppio turbocompressore. Alla classica motorizzazione che da tempo accompagna la lineup Bentley è stato studiato un programma di aggiornamento meccatronico, che si è concretizzato nella modifica alla geometria dei turbocompressori, nell’adozione di intercooler maggiorati e nello studio di un nuovo albero motore con relativi cuscinetti di biella più sottili. Queste novità, unitamente alla necessaria rimappatura della centralina elettronica, regalano alla nuova Bentley Continental Supersports MY 2017 una potenza di ben 710 CV e 1.017 Nm di coppia massima, che su strada si traducono in 336 km/h di velocità massima e un tempo di accelerazione da 0 a 100 km/h in 3″5, niente male se si tiene conto del peso non certo “minimal” della vettura (2.280 kg in ordine di marcia la Coupé; 2.455 kg la Convertible, per la quale la velocità massima “scende” a 330 km/h e lo scatto 0 – 100 km/h richiede 3″9). Per intenderci: la nuova Continental GT Supersports assume il ruolo di Bentley più potente e veloce nella storia del marchio di Crewe. Sicuramente piacerebbe a Woolf Barnato. Inspiegabilmente, tuttavia, l’impianto di scarico in titanio viene offerto a richiesta.

Direttamente derivato dall’esperienza Bentley nel motorsport è il dispositivo Torque Vectoring (lo stesso della Continental GT3), mentre il cambio ZF a otto rapporti dispone del convertitore di coppia, la trazione integrale è disposta al 60% verso il retrotreno e il controllo trazione permette una regolazione più “sportiva”.