Mini Seven: nuova serie speciale al Salone di Parigi

Ispirata alla storica Austin Seven del 1959, la nuova Mini Seven sarà esposta a Parigi insieme alle altre novità del marchio di Oxford.

Mini Seven: nuove immagini ufficiali

Altre foto »

Dopo una prima anticipazione, pubblicata nei mesi scorsi, il "progetto" Mini Seven inizia a prendere forma, per concretizzarsi in anteprima all'imminente Salone di Parigi (in programma da sabato 1 a domenica 16 ottobre), dove il marchio di Oxford presenterà la inedita serie speciale "Seven" dichiaratamente ispirata alla iconica Austin Seven, ovvero la "prima" Mini del 1959, che veniva prodotta - con minime variazioni estetiche - da Morris (negli impianti di Cowley) con il nome Minor e, appunto, da Austin (nelle linee di montaggio di Longbridge) a nome "Seven".

La nuova Mini Seven - che al Mondial de l'Automobile 2016 sarà esposta insieme alla seconda novità Mini, ovvero la performante John Cooper Works Clubman, e alla più recente produzione di Oxford - sarà proposta nelle due varianti tre porte e cinque porte.

La connotazione di mercato individuata dagli stilisti del marchio di Oxford appare già delineata: la nuova Mini Seven è stata sviluppata per creare un abbinamento di un caratteristico stile individuale al segmento delle vetture compatte "premium", pur restando fedeli alla tradizione del marchio e alle radici "British" della originale Austin Seven del 1959.

La gamma delle motorizzazioni proposte per la nuova Mini Seven che vedremo al Salone di Parigi non evidenzia alcuna differenza rispetto alle Mini attualmente in listino: sotto il cofano, la "Seven" viene equipaggiata nelle due varianti benzina e gasolio, per le declinazioni Cooper, Cooper S, Cooper D e Cooper SD. Le ricordiamo brevemente: per Mini Cooper, il 1.5 tre cilindri turbocompresso a tecnologia Mini TwinPower Turbo, iniezione diretta di carburante, comando valvole variabile, regolazione variabile degli alberi a camme, con 136 CV di potenza a 4.400 giri/min e 220 Nm di coppia massima a 1.250 giri/min (230 Nm con overboost); per Mini Cooper S, il quattro cilindri da 2 litri, anch'esso dotato di tecnologia di sovralimentazione Mini TwinPower Turbo, 192 CV fino a 6.000 giri/min e 280 Nm (300 Nm con overboost) a 1.250 giri/min. Per Mini Cooper D, il turbodiesel tre cilindri 1.5 MiniTwin Power Turbo da 116 CV a 4.000 giri/min e 270 Nm a 1.750 giri/min; per Mini Cooper SD, il quattro cilindri diesel 2.0 Mini TwinPower Turbo da 170 CV a 4.000 giri/min e 360 Nm fra 1.500 e 2.750 giri/min. Per tutti i modelli, il cambio è manuale a sei rapporti; a richiesta è disponibile il cambio Steptronic a sei rapporti.

Relativamente alle varianti di tinta carrozzeria, la nuova Mini Seven sarà disponibile nelle tinte "MINI Yours Lapisluxury Blue", "Pepper White" (tinta pastello), "Midnight Black" e "British Racing Green", queste ultime due metallizzate. Gli accenti stilistici prevedono, indipendentemente dal colore carrozzeria scelto, il tetto e i gusci degli specchi retrovisori esterni verniciati in "Melting Silver": l'abbinamento cromatico viene proposto per la versione 3 porte e per quella 5 porte. Ulteriori dettagli estetici specifici per la nuova Mini Seven riguardano l'adozione delle strisce longitudinali in "Melting Silver" con cornici esterne in "Malt Brown" al cofano motore, e i cerchi in lega da 17" nel disegno "MINI Seven Spoke Two - Tone".

All'interno, l'abitacolo della nuova Mini Seven si caratterizza per l'adozione di sedili sportivi rivestiti in stoffa e pelle nella tinta "Diamond Malt Brown", monogramma "Mini Seven" sul caratteristico strumento centrale, superfici interne in "Piano Black" a effetto lucido e "Colour line" in tinta "Carbon Black".

A richiesta, la connotazione dell'abitacolo per la nuova Mini Seven potrà essere ulteriormente arricchita con il pacchetto Colour Line nella variante "Malt Brown", mentre un articolato "kit" di dotazione equipaggiamenti "Mini Seven Chili" propone la fanaleria a Led, il sensore pioggia con controllo automatico delle luci anabbaglianti, il volante sportivo in pelle con tasti multifunzione, Active Cruise Control con funzione frenante, il computer di bordo e la selezione delle modalità di guida "Mini Driving Modes". Inoltre sono a bordo: climatizzatore automatico, sedile del passeggero regolabile in altezza, tappetini di velluto, pacchetto portaoggetti, pacchetto illuminazione e "Mini Excitement".

Se vuoi aggiornamenti su MINI MINI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 21 settembre 2016

Altro su MINI MINI

Mini John Cooper Works Cabrio by AC Schnitzer
Tuning

Mini John Cooper Works Cabrio by AC Schnitzer

Dopo la JCW esposta all'Essen Motor Show 2015, AC Schnitzer presenta la "sorella" Cabrio di recente debutto: immagine più aggressiva e 35 CV in più.

Mini John Cooper Works Challenge: solo 100 esemplari
Anteprime

Mini John Cooper Works Challenge: solo 100 esemplari

Realizzata solo per il mercato inglese, la Mini John Cooper Works Challeng vanta un carattere ispirato alle competizioni.

Mini John Cooper Works by B&B Automobiltechnik
Tuning

Mini John Cooper Works by B&B Automobiltechnik

Il tuner tedesco trasforma la Mini in un bolide da 300 CV in grado di non temere sportive ben più blasonate.