Mini al Salone di Parigi 2016

Oltre alla Mini Seven, lo stand MINI al Salone di Parigi sarà animato dalla Clubman con il "vestito sportivo" John Cooper Works da 231 CV.

Mini John Cooper Works Clubman: immagini ufficiali

Altre foto »

La nuova generazione della "familiare" che si ispira alla storica piccola wagon degli anni 60 si arricchisce con la versione sportiva alto di gamma. Si tratta della nuova Mini John Cooper Works Clubman, che viene anticipata in queste ore nelle immagini e nel dettaglio delle caratteristiche progettuali e tecniche, in attesa dell'anteprima ufficiale fissata all'imminente Salone di Parigi, in programma da sabato 1 a domenica 16 ottobre.

La nuova Mini John Cooper Works Clubman si prepara ad arricchire la lineup di versioni "JCW" del marchio di Oxford: la rinnovata Mini John Cooper Works presentata nella prima metà del 2015 e, all'inizio di quest'anno, la edizione Cabrio.  

Nelle proporzioni generali, il corpo vettura della nuova Mini John Cooper Works Clubman rivela le medesime dimensioni della gamma Clubman già in listino: 4,253 m di lunghezza, 1,8 m di larghezza, 1,44 m di altezza per un "passo" di 2.670 mm, frutto dell'elaborazione della piattaforma UKL (Untere Klasse), pianale modulare sviluppato da Bmw espressamente per i modelli a trazione anteriore del Gruppo e che, per Clubman, viene impiegata nella variante UKL2  che costituisce l'"ossatura" anche di Bmw Serie 2 Active Tourer.

L'affinamento aerodinamico per il corpo vettura prevede le "AirCourtain" alla cornice della presa d'aria inferiore e gli "Air Breather" nella sezione posteriore delle fiancate, nonché una serie di appendici disegnate specificamente per Mini John Cooper Works Clubman. Altre caratterizzazioni di dettaglio si notano nelle prese d'aria di ampie dimensioni che occupano lo spazio previsto per le luci di posizione e i fari fendinebbia, lo spoiler sulla sommità del doppio portellone e il "grembiule" posteriore, le cornici "Side Scuttle" degli indicatori laterali di direzione arrichite da un accento cromatico in rosso e dal monogramma "John Cooper Works" su fondo nero, e la caratteristica calandra a esagono dalla griglia a nido d'ape e listello inferiore in rosso.

L'abitacolo della nuova Mini John Cooper Works Clubman conferma gli atout di sportività evidenziati all'esterno e prerogativa delle versioni "JCW": la dotazione di serie prevede i sedili sportivi "John Cooper Works" con poggiatesta integrato e rivestimento in stoffa e "Dinamica" in tinta "Carbon Black", volante "John Cooper Works" multifunzione rivestito in pelle, "imperiale" in tinta Antracite, specifici battitacco "John Cooper Works", leva del cambio e selettore rapporti "John Cooper Works", pedaliera e poggiapiede in acciaio inox, strumentazione a quadranti scuri e modanature interne "Grey Chequered".  

Buona, per il "normale" impiego losirs, la capacità del bagagliaio, che assicura un volume di carico nell'ordine di 360 litri nel normale assetto di marcia e 1.250 litri con il divanetto posteriore completamente abbattuto.

Sotto il cofano, la nuova Mini John Cooper Works Clubman viene equipaggiata con il 4 cilindri da 2 litri di cilindrata, sovralimentato a sistema TwinPower Turbo, abbinato a un nuovo impianto di scarico sportivo e a un cambio manuale a sei rapporti (a richiesta sarà disponibile l'automatico Steptronic a otto rapporti). L'unità, già sottoposta a un profondo re-engineering, che oltre alla sovralimentazione ha riguardato il comando variabile delle valvole "Valvetronic" e il controllo variabile "doppio VANOS" degli alberi a camme al lato di aspirazione e di scarico, sviluppa una potenza di ben 231 CV e 350 Nm di coppia massima: valori che permettono alla nuova Mini John Cooper Works di raggiungere una velocità massima di 238 km/h e i 100 km/h con partenza da fermo in 6,3 secondi.

La trazione integrale si avvale del consueto sistema All4 specifico della gamma Mini: il dispositivo - che comprende anche il sistema DSC di regolazione della stabilità di guida - presenta la regolazione elettroidraulica della coppia motrice studiata secondo il principio del rinvio angolare e power-take-off sull'asse anteriore.

Per assecondare al meglio l'esuberante "cavalleria" assicurata dal 2 litri TwinPower Turbo, la nuova Mini John Cooper Works Clubman viene dotata, relativamente all'assetto (avantreno tipo McPherson, retrotreno multilink), di un set sospensioni appositamente tarate. L'impianto frenante Brembo presenta pinze freno verniciate in rosso e impreziosite dal monogramma "John Cooper Works".

L'equipaggiamento di serie per la nuova Mini John Cooper Works Clubman offre la fanaleria a Led, le modalità di guida "MINI Driving Modes", il "Park Distance Control", il "Comfort Access", il climatizzatore automatico, il dispositivo luci "High Beam Assistant", il Cruise Control attivo con telecamera e funzione di frenata d'emergenza, il dispositivo di assistenza alle manovre di parcheggio con retrocamera, il sensore pioggia, il "Driving Assistant", il sistema DSC - Dynamic Stability Control per il controllo dinamico stabilità, il DTC - Dynamic Traction Control, il sistema di riconoscimento segnaletica stradale.

 

Se vuoi aggiornamenti su MINI CLUBMAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 21 settembre 2016

Altro su MINI Clubman

Mini Clubman John Cooper Works: 231 CV e tanto spazio
Anteprime

Mini Clubman John Cooper Works: 231 CV e tanto spazio

Anche la più spaziosa delle Mini viene declinata nella variante sportiva John Cooper Works da 231 CV.

Mini Cooper SD Clubman: la prova su strada
Prove su strada

Mini Cooper SD Clubman: la prova su strada

Un test per mettere alla prova la versione diesel Twin Turbo della modaiola ed esclusiva Mini Cooper Clubman.

Mini Clubman Cooper S: la prova su strada
Prove su strada

Mini Clubman Cooper S: la prova su strada

La piccola wagon inglese vanta sei porte e un motore sovralimentato che alimenta le velleità sportive. Il vero limite è il prezzo.