Alex Zanardi, terzo oro paralimpico per l'ex pilota

A quindici anni dall'incidente in Formula Cart, il 50enne regala un altro successo della sua strepitosa carriera

Infinito Alex Zanardi. L'ex pilota di Formula 1 ha vinto il terzo oro paralimpico (dopo i due conquistati nel 2012 a Londra) vincendo a Rio de Janeiro la cronometro di ciclismo.

Una gara palpitante, quella che ha visto trionfare l'atleta 50enne, che è riuscito a passare dal terzo al primo posto vincendo in 26' 36" e 81 centesimi davanti all'australiano Stuart Tripp e allo statunitense Oscar Sanchez.

"Non so come abbia fatto a vincere", le parole di Zanardi al termine della gara "è stata una gara strepitosa, ma una faticaccia. Voglio ringraziare la mia famiglia, mia moglie Daniela, mio figlio Nicolò, ma ache Tamberi, che alle Olimpiadi non è riuscito a gareggiare per colpa di un infortunio".

Alex Zanardi fu vittima di un terribile incidente sul circuito del Lausitzring, in Germania, il 15 settembre 2001. Il pilota italiano rimase con appena un litro di sangue in corpo. Riuscì a sopravvvere, ma subì l'amputazione di entrambe le gambe.

Quindici anni dopo ecco la quarta medaglia paralimpica. Tre le aveva conquistate a Londra, due ori (crono e in linea) ed un argento (team relay)., ieri la conferma di una leggenda vivente.

Se vuoi aggiornamenti su ALEX ZANARDI, TERZO ORO PARALIMPICO PER L'EX PILOTA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 15 settembre 2016

Vedi anche

Opel Insignia Grand Sports: prodotto il primo esemplare

Opel Insignia Grand Sports: prodotto il primo esemplare

È partita la produzione della rinnovata ammiraglia Opel: la fiducia del CEO Neumann sul ruolo di Insignia nella lineup di Russelsheim.

Seat conferma: nel 2018 arriverà il maxi Suv

Seat conferma: nel 2018 arriverà il maxi Suv

Sarà progettato a Martorell e costruito a Wolfsburg sulla piattaforma MQB A2; e Seat festeggia il migliore risultato operativo della propria storia.

Skoda: una low cost per l’India nel 2019

Skoda: una low cost per l’India nel 2019

La vettura farebbe parte di un accordo tra il Gruppo Volkswagen e Tata