Vulcano Titanium, l’esclusiva supercar al Salone di Torino

La potentissima supercar italiana Vulcano Titanium da 670 CV sarà tra le protagoniste del Salone dell’Auto di Torino.

Vulcano Titanium, l’esclusiva supercar al Salone di Torino

di Francesco Donnici

09 giugno 2016

La potentissima supercar italiana Vulcano Titanium da 670 CV sarà tra le protagoniste del Salone dell’Auto di Torino.

Tra le protagoniste indiscusse che affolleranno il sempre più importante palcoscenico del Salone di Torino – Parco Valentino 2016 troviamo l’esuberante Vulcano Titanium, supercar artigianale con passaporto italiano.

La Vulcano, con sede in Piemonte, è la prima factory al mondo ad aver realizzato una hypercar capace di fregiarsi di un telaio realizzato a mano interamente in titanio nudo, frutto di un lavoro durato più di 10.000 ore. Il cuore pulsante di questa vettura porta la firma dell’ex direttore della Scuderia Ferrari, Claudio Lombardi e Mario Cavagnero, creatore dei motori Lancia da Rally come Delta e 037, senza dimenticare i potentissimi motori di Peugeot 205 T16 e 405 T16.

La scelta è caduta su un V8 sovralimentato, preferito ad un V12 aspirato per ottenere una coppia maggiore: il risultato parla di 670 CV e 840 Nm di coppia massima, capaci – secondo i dati dichiarati dal costruttore – di offrire un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 2,8 secondi uno scatto da 0 a 200 km/h in soli 8,8 secondi. Il cambio è di tipo “robotizzato” e risulta dotato di funzionamento elettroidraulico gestito da un generatore ausiliario autonomo, mentre i suoi rapporti e quelli del differenziale sono stati calibrati in modo da ottenere il giusto equilibro nella distribuzione della forza motrice.

L’handling equilibrato risulta invece assicurato da una geometria delle sospensioni rivoluzionate rispetto alle soluzioni tradizionali. La parte estetica della vettura è invece opera dell‘Icona, azienda torinese che riunisce il meglio del design europeo, è si ispira al Blackbird SR-71, l’aereo più veloce del mondo.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...