Peugeot 208 GTi/NOVE, dedicata alle vittorie nel CIR

L’edizione speciale Peugeot 208 GTi/NOVE celebra le nove vittorie del campionato costruttori conquistate nel CIR da Paolo “Ucci” Andreucci.

Peugeot 208 GTi/NOVE, dedicata alle vittorie nel CIR

Tutto su: Peugeot 208

di Francesco Donnici

16 febbraio 2016

L’edizione speciale Peugeot 208 GTi/NOVE celebra le nove vittorie del campionato costruttori conquistate nel CIR da Paolo “Ucci” Andreucci.

La scorsa stagione del CIR (Campionato Italiano Rally) è stato un vero e proprio trionfo per la Casa del Leone che ha deciso di festeggiare il suo successo indiscusso realizzando l’edizione speciale Peugeot 208 GTi/NOVE. Il nome di questa versione speciale della piccola Peugeot si riferisce ovviamente all’auto che ha vinto l’ultima stagione del campionato rally del nostro Paese (208), alla sigla che rappresenta la sportività del marchio (GTi) e ai nove titoli costruttori portati a casa dal pilota italiano Paolo “Ucci” Andreucci, “navigato” da Anna “Ussi” Andreussi.

La nuova Peugeot 208 GTi/NOVE si inserisce nel recente “filone” di vetture “one shot” della Casa transalpina come la RCZ Arlen Ness e la RCZ Bimota, e nello stesso tempo raccoglie l’eredità  della  sportivissima 208 GTi by Peugeot Sport.

Esteticamente, la vettura sfoggia la livrea bicolore “coupe franche” che caratterizza le vetture “speciali” della Casa del Leone, ma anche la colorazione tradizionale che contraddistingue le vetture della Casa che partecipano alle competizioni. L’abbinamento cromatico viene ripreso sugli speciali cerchi racing in lega OZ, mentre le cromature del frontale lasciano spazio al nero laccato, tranne per quanto riguarda il listello cromato posizionato sotto la griglia che ricalca i colori motorsport del brand d’oltralpe.

Gli altri dettagli che caratterizzano la vettura sono le “firme” di Ucci e Ussi, rispettivamente impresse sulle maniglie di sinistra e destra, inoltre non manca il “grido” di vittoria della Peugeot “Hic sunt leones“. L’estetica viene completata dal logo “Ucci Ussi 9” posizionato sui pannelli laterali e posteriori e sugli schienali dei sedili.

Dal punto di vista tecnico e meccanico, la Peugeot 208 GTi/NOVE vanta – rispetto alle 208 Gti “standard” – un assetto ulteriormente abbassato di 10 mm, carreggiate allargate di 22 mm all’anteriore e 16 mm al posteriore, pinze freni di colore rosso personalizzate Peugeot Sport che spuntano da cerchi in lega dal carattere racing da 18 pollici firmati OZ. Sotto il cofano si nasconde il propulsore 1.6 litri THP elaborato dagli specialisti italiani “Supersprint” che hanno regalato a questa unità un’inedita mappatura della centralina che  ha permesso un aumento di potenza da 208 a 240 CV, gestiti da un cambio manuale a sei rapporti e scaricati sulla trazione con l’aiuto di un differenziale a slittamento limitato Torsen. Per il reparto freni si è optato per un impianto con dischi anteriori da 323 mm morsi da pinze a quattro pistoncini, mentre ESP e antipattinamento sono stati settati per un uso più sportivo.