Volkswagen Tiguan 4Motion: le immagini ufficiali

In vista del debutto fissato per fine aprile, Volkswagen svela le caratteristiche tecniche della nuova Tiguan 4Motion a sistema Active Control.

Volkswagen Tiguan 4Motion: immagini ufficiali

Altre foto »

Dopo la première al Salone di Francoforte 2015, la nuova Volkswagen Tiguan Model Year 2016 si prepara al debutto sul mercato. E, in queste ore, viene già arricchita dalla versione 4Motion, che VW anticipa nelle immagini e nelle caratteristiche tecniche.

"Base di partenza" della nuova Tiguan 4Motion è, come per la rinnovata Tiguan di seconda generazione, la ormai nota piattaforma modulare Mqb (Modularer Querbaukasten), "base" che ha debuttato nel 2012 per Audi A3 e Golf 7 e destinata progressivamente a costituire l'ossatura di tutti i modelli di media gamma del Gruppo Vag - Volkswagen Audi.

Riguardo al corpo vettura, la nuova Volkswagen Tiguan 4Motion si presenta leggermente aumentata nelle dimensioni esterne rispetto alla serie precedente in virtù della nuova piattaforma Mqb: 4,48 m di lunghezza, 1,84 m di larghezza, 1,63 m di altezza, per un "passo" di 2.680 mm; aumentata, e non poco, anche la capacità del bagagliaio, che passa da 470 a 615 litri nel normale assetto di marcia, e 1.655 litri a sedili posteriori completamente abbassati.

Relativamente alla connotazione estetica, la Tiguan 4Motion mantiene gli aggiornamenti visti nella nuova Tiguan: la grande calandra sottile e orizzontale, che prosegue nella forma della fanaleria anteriore (disegno che fa parte dei più recenti canoni stilistici dell'attuale produzione Volkswagen); il cofano motore perde le due profonde nervature, la presa d'aria inferiore si fa più ampia; lateralmente, è da sottolineare il ricorso a passaruota di forma perfettamente rotonda, che sostituiscono quelli più schiacciati nella parte superiore della "vecchia" Tiguan; resta piuttosto evidente la bombatura dei parafanghi. Da segnalare, rispetto alle versioni a trazione anteriore, l'altezza minima da terra aumentata di 11 mm (passa da 189 a 200 mm). A richiesta, per la nuova Volkswagen Tiguan 4Motion è disponibile uno specifico frontale offroad, che permette un aumento dell'angolo di attacco (25°6' anziché 18°3').

L'abitacolo punta decisamente sulle più recenti tecnologie multimediali: l'attenzione dell'osservatore viene subito catturata dallo schermo "touch" per il controllo e la gestione dei dispositivi di infotainment, che viene collocato nella zona superiore della consolle centrale, e in una inedita forma: è rivolto verso il conducente, in modo da agevolare i movimenti della mano senza distrarre troppo l'attenzione e, nello stesso tempo, conferisce alla plancia un certo sapore sportivo.

Sotto il cofano, al momento del lancio la nuova Volkswagen Tiguan 4Motion viene proposta in due motorizzazioni: il turbodiesel 2.0 Tdi 150 CV e il 2.0 Tsi benzina turbocompresso da 180 CV; la gamma si completerà, più avanti, con altre due versioni Tdi (190 e 240 CV) e due Tsi (150 e 220 CV). Per le motorizzazioni a partire da 180 CV è previsto l'abbinamento di serie a un cambio automatico a doppia frizione DSG, disponibile a richiesta per le versioni 150 CV.

Peculiarità della nuova "integrale" di Tiguan è il sistema 4Motion Active Control, evoluzione del dispositivo di trazione integrale 4Motion specifico di Volkswagen, basato sul funzionamento della frizione a lamelle che ripartisce in modo continuo la trazione fra Avantreno e retrotreno. Nelle normali condizioni di marcia, la Tiguan si avvale della sola trazione anteriore, condizione necessaria per l'attenzione ai consumi. L'azione alle ruote posteriori si attiva in una frazione di secondo non appena il sistema di bordo avverte che si verifica uno scompenso di trazione. Per questo, Volkswagen indica che la trasmissione 4Motion è permanente: ancora prima che lo slittamento della vettura abbia inizio, la trazione è già sulle quattro ruote.

Il quantitativo di forza da applicare a ciascuna ruota viene calcolato di continuo da una centralina elettronica, che attraverso una pompa idraulica (in questa fase la pressione viene regolata in base al quantitativo di coppia necessario per il retrotreno) regola l'azione di chiusura della frizione a lamelle. Si tratta, in sostanza, di una regolazione della ripartizione di coppia sulla base dei carichi dinamici sugli assi. A sua volta, la centralina che controlla il sistema 4Motion riconosce in quali condizioni di marcia si trova la vettura in un determinato momento, e mediante l'analisi di una serie di parametri (numero di giri per ciascuna ruota, angolo di sterzata, veloictà) garantisce il trasferimento di coppia - che può raggiungere il 100% - al retrotreno.

Parallelamente al bloccaggio longitudinale cui provvede la frizione Haldex di nuova generazione, i bloccaggi elettronici dei differenziali (EDS) su tutte le ruote, integrati nel programma di controllo elettronico della stabilizzazione (ESC), assolvono alla funzione di bloccaggio trasversale. Inoltre, anche la nuova 4Motion, così come le altre nuove Tiguan, viene equipaggiata con la funzione supplementare XDS+ (si tratta di un ampliamento tecnico delle funzioni esercitate dal differenziale a bloccaggio elettronico) all'anteriore e al posteriore: con questo dispositivo, che si attiva in curva, le ruote interne vengono frenate, in modo da migliorare il comportamento dinamico del veicolo.

Oltre a tutte queste caratteristiche, il sistema 4Motion Active Control prevede la possibilità di selezionare (a comando intuitivo) il profilo più efficace in base alle caratteristiche del fondo stradale e di guida. Mediante un selettore - collocato nella consolle centrale - il conducente può scegliere fra quattro modalità di controllo trazione e diversi menu pop-up: "Onroad" e "Snow" (ruotando il selettore verso sinistra); "Offroad" e "Offroad Individual" (selettore verso destra). A sua volta, la modalità "Onroad" permette la selezione fra ulteriori profili: Normal, Sport, Eco e Individual.

La nuova Volkswagen Tiguan 4Motion viene proposta nelle tre consuete linee di allestimento "Trendline", "Comfortline" e "Highline", con le ultime due già dotate di uno specifico "look sportivo"; in più, per tutte le declinazioni è possibile accedere ai pacchetti "R-Line" di nuova generazione, disponibili per l'esterno vettura oppure, a scelta, in abbinamento con una nuova configurazione dell'abitacolo.

La produzione della nuova Volkswagen Tiguan è stata avviata a gennaio; la vettura è già disponibile in prevendita. Il debutto sul mercato avverrà a fine aprile in Germania e a inizio maggio in tutta Europa. Dal momento del lancio, la nuova Volkswagen Tiguan sarà arricchita con ulteriori motorizzazioni e allestimenti.

 

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN TIGUAN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 04 febbraio 2016

Altro su Volkswagen Tiguan

Volkswagen Tiguan: al debutto il 2.0 BiTDI 240 CV e il 2.0 FSI 220 CV
Ultimi arrivi

Volkswagen Tiguan: al debutto il 2.0 BiTDI 240 CV e il 2.0 FSI 220 CV

Due nuove unità si aggiungono in listino per il Suv compatto di Wolfsburg: il bi-turbodiesel e il 4 cilindri della Golf Gti.

Volkswagen Tiguan MY 2016: debuttano il 2.0 BiTD e il pacchetto R-Line
Anteprime

Volkswagen Tiguan MY 2016: debuttano il 2.0 BiTD e il pacchetto R-Line

La motorizzazione bi - turbodiesel da 240 CV e una nuova caratterizzazione più sportiva per la rinnovata Suv compatta di Wolfsburg.

Volkswagen Tiguan 2016: prezzi da 27.550
Ultimi arrivi

Volkswagen Tiguan 2016: prezzi da 27.550

Tre allestimenti e tre motorizzazioni (una benzina, due turbodiesel) per la rinnovata Suv compatta VW. Prezzi da 27.550 e 32.550 euro.