Mercedes E 63 AMG station wagon: familiare…da corsa

A Francoforte la Casa di Stoccarda ha presentato la Classe E station wagon a cura della AMG. V8 da 6,2 litri e 525 CV: arriverà a Febbraio

Mercedes E 63 AMG station wagon: familiare...da corsa

di Francesco Giorgi

21 settembre 2009

A Francoforte la Casa di Stoccarda ha presentato la Classe E station wagon a cura della AMG. V8 da 6,2 litri e 525 CV: arriverà a Febbraio

.

Al Salone di Francoforte, la Mercedes espone – nello stand riservato alle supercar di Stoccarda “marchiate” AMG – la versione della nuovissima Classe E station wagon curata da AMG. Si tratta della E 63 AMG, “familiare” che il Reparto sportivo di Affalterbach ha rielaborato nella meccanica e nella caratterizzazione estetica, conferendo alla Classe E station wagon valori che vanno ben oltre l’immagine originaria di auto destinata a famiglie e professionisti.

La E 63 AMG è un concentrato di tecnologia, potenza e sportività, secondo i tradizionali canoni impostati dalla AMG nella preparazione delle berline di Stoccarda. Equipaggiata con un V8 da 6.2 litri accoppiato a un cambio Speedshift a sette velocità sviluppato dalla stessa AMG, sviluppa ben 525 CV e raggiunge una velocità massima di 250 km/h autolimitata, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,6 secondi.

Definire una AMG senza tenere conto delle modifiche operate all’esterno della vettura è impossibile. D’altro canto, si tratta di una Mercedes nell’impostazione del corpo vettura, a cui il Centro Stile di Affalterbach dona di un’immagine spietatamente sportiva e personale.

Ad iniziare dalle scritte “6.3 AMG” situate nel frontale della vettura, che costituiscono il preludio di una rielaborazione costituita da un nuovo spoiler dotato di ampie feritoie per il passaggio dell’aria, elementi ripetuti in corrispondenza dei parafanghi laterali, le luci diurne a Led di nuovo disegno, “minigonne” laterali e un nuovo “grembiule” che abbraccia la parte posteriore della vettura, caratterizzata da due coppie di terminali di scarico cromati e realizzati appositamente dalla AMG per questo modello.

Non si può dire che si tratti di una vettura realizzata per non dare nell’occhio: la sportività e la potenza sono elementi di un carattere unico che la Serie E 63 AMG station wagon spande a palate.

Interni AMG

Tutto questo, tenendo ben presente – secondo la filosofia costruttiva del Marchio di Affalterbach – una grande attenzione alle rifiniture interne, nelle quali predominano elementi in pelle pregiata, presenti un po’ dappertutto: nei rivestimenti dell’abitacolo e dei sedili, questi ultimi di forma anatomica e regolabili con dispositivo di memoria.

Accanto ai rivestimenti in pelle, disponibili in tre combinazioni di colore, la E 63 AMG presenta degli inserti in alluminio spazzolato che creano un deciso contrasto con il materiale utilizzato per il rivestimento dell’abitacolo.

Sulla grossa consolle centrale, si trovano i comandi della AMG Drive Unit, una “centrale” di gestione che racchiude i dispositivi di regolazione per il differenziale, l’ESP dotato di tre livelli di intervento, le regolazioni elettroniche delle sospensioni e l’ultima versione della leva del cambio Drive Unit, sistema drive – by – wire attraverso il quale il conducente può scegliere il rapporto di marcia selezionando una delle posizioni R, N e D, o fermare la vettura semplicemente premendo il tasto P.

Equipaggiamenti più ricchi

In proporzione al carattere donato alla vettura dagli esterni e dai nuovi interni, anche la dotazione della Mercedes E 63 AMG ha ricevuto un arricchimento negli equipaggiamenti, che di serie si compongono del sistema Attention Assist che previene i colpi di sonno per il conducente, il sistema Pre-Safe che “avverte” l’approssimarsi di un incidente e, assieme a un’azione immediata e automatica sui freni, dispone un’attivazione ancora più veloce, rispetto ai modelli “di serie” dei sette airbag e dei dispositivi di avanzamento ultrarapido dei poggiatesta per minimizzare i rischi di “colpo di frusta” agli occupanti.

Per la E 63 station wagon, la AMG ha predisposto una serie di accessori after market AMG Performance Studio, composti da cerchi in lega da 19″ predisposti per il montaggio di pneumatici da 255/35 R19 all’anteriore e 285/30 R19 al posteriore, impianto frenante AMG con dischi in materiale ceramico, pinze dei freni verniciate di rosso, differenziale autobloccante al 40 per cento, volante AMG a tre razze con inserti in Alcantara in corrispondenza delle zone di impugnatura, pannelli in carbonio per la plancia e battitacco alle porte illuminati.

Ulteriori personalizzazioni sono possibili con il kit AMG Exclusive Package (rivestimento in pelle di nappa per i sedili, la parte superiore della plancia, l’interno dei montanti sui quali sono fissate le cinture di sicurezza, i braccioli delle porte e la parte centrale della consolle); dieci combinazioni di tinta per la carrozzeria e una scelta di nove pelli per le rifiniture interne, kit Driving Assistance, sistema di accensione Keyless, software di interfaccia media, Parktronic con telecamera e impianto stereo Surround.

Meccanica Made in Affalterbach

Il Reparto sportivo di Affalterbach ha sviluppato un propulsore V8 da 6.2 litri (6208 cc) in grado di sviluppare una potenza di ben 525 CV (circa una decina in più rispetto a una precedente versione) e una coppia di 630 Nm.

Al poderoso (come è consuetudine della AMG) motore è abbinata una trasmissione automatica AMG Speedshift a 7 velocità, comandata da una frizione a bagno d’olio che sostituisce il più tradizionale convertitore di coppia. In questo modo, è possibile sfruttare le possibilità offerte dal V8 anche a bassa velocità.

La velocità massima, autolimitata, è di 250 km/h (ma, con una rimappatura della centralina, è possibile ottenere una versione che arriva a 280 km/h, mediante l’AMG Driver’s Package, possibilità after market che comprende anche un corso di guida presso la AMG Driving Academy)

La Mercedes E 63 AMG station wagon, il cui prezzo non è stato ancora comunicato, sarà disponibile nei listini della Casa di Stoccarda a partire dal prossimo Febbraio.