Cambio e interni nuovi per la Citroen C-Crosser

Rinnovati gli interni sulla Citroen C-Crosser che riceve anche il nuovo cambio robotizzato a doppia frizione sulla versione 2.2 HDi FAP

Si chiama DCS (Dual Clutch System) il nuovo cambio meccanico pilotato a doppia frizione proposto da Citroen per il Suv C-Crosser. La trasmissione robotizzata - prima assoluta per la Casa francese - offre un comfort di guida più elevato rispetto a un cambio tradizionale, ma molto simile a quello di tipo automatico.

Proposto in alternativa alla trasmissione manuale sulla motorizzazione 2.2 HDi da 160 CV FAP, il DCS - che offre una modalità "Normale" e una "Sport" - garantisce innesti precisi e silenziosi e grande manovrabilità alle basse velocità grazie a un lieve avanzamento del veicolo al rilascio del pedale del freno come sui cambi automatici tradizionali.

La nuova trasmissione è dotata anche di una funzione specifica che assiste il guidatore in caso di partenza in pendenza facilitando le manovre e l'avviamento del mezzo su piani inclinati pari o superiori a 5 gradi. 

Ma il cambio DCS non è la sola novità per il C-Crosser che Citroen ha deciso di rinnovare anche negli interni con lo scopo di migliorare il comfort di guida e la qualità percepita dagli occupanti. Il rivestimento di gran parte del cruscotto e del cupolino sopra al quadro strumenti, sono stati rivestiti e impunturati, così come la parte superiore dei pannelli delle porte anteriori.

Anche il quadro strumenti è stato rinnovato nel look apportando dei profili cromati e un nuovo schermo a matrice di punti. Finiture a specchio anche per i comandi della climatizzazione, mentre i poggiatesta della terza fila di sedili diventano pieni.

Sul fronte degli allestimenti il  C-Crosser è equipaggiato con un sistema tergicristallo a comando automatico e terminali di scarico orizzontali e cromati. Il "refresh" della vettura comprende infine due nuove colorazioni: Marrone Mangaro e Blu Muzzano (che sostituisce il Blu Pegaso).

Se vuoi aggiornamenti su CITROËN C-CROSSER inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Lorenzo Stracquadanio | 09 settembre 2009