Rolls-Royce Ghost: il “fantasma” arriva a fine anno

La Casa britannica comunica i dati ufficiali sulle prestazioni della
nuova Ghost. Arriverà a fine anno e costerà 165.000 sterline

Rolls-Royce Ghost: il "fantasma" arriva a fine anno

di Redazione

23 luglio 2009

La Casa britannica comunica i dati ufficiali sulle prestazioni della
nuova Ghost. Arriverà a fine anno e costerà 165.000 sterline

.

Se ne parla da tanto e ancora di più da Marzo, da quando, cioè, al salone di Ginevra è stata presentato il concept 200EX di Rolls-Royce, detta anche la “Baby Rolls”. Poi, ad Aprile, era stato annunciato il nome definitivo della nuova creatura della leggendaria Casa britannica. Ora, in attesa di vederla finalmente dal vivo, al Salone di Francoforte di Settembre, la Casa di Crewe fornisce alcuni dati ufficiali relativi all’attesissima Ghost.

A partire dal prezzo. La Ghost costerà un po’ meno di 200.000 euro (165.000 sterline, tasse escluse) e avrà una potenza di 563 CV, quindi più di quanto annunciato in precedenza, e una coppia di 780 Nm. Il nuovo motore turbo da 6.6 litri con cambio automatico ZF a 8 rapporti, farà volare questo bolide a cinque stelle da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi.

Naturalmente, trattandosi di una Rolls, ovvero quanto di più simile a un elegante salotto su ruote esista in circolazione, velocità e potenza non sono le uniche cose che contano, anzi; l’obiettivo degli ingegneri britannici è stato quello di assicurare il massimo confort ai passeggeri e la massima stabilità della vettura.

Grande cura è stata posta all’acustica: il motore, l’impianto di scarico, perfino le gomme, sono state concepite in maniera da minimizzare i rumori molesti. Del resto, la nuova Ghost si ispira all’omonima vettura prodotta da Rolls-Royce fra il 1907 e il 1926, un modello che all’epoca si contraddistinse soprattutto per la sua bassa rumorosità della vettura, tanto da meritarsi il nome di “Spettro”.

Le consegne in Europa e Regno Unito inizieranno a fine 2009, mentre gli automobilisti americani e asiatici dovranno aspettare la primavera del 2010.