Bentley: nel 2018 arriverà una coupé 4 porte

Fra poco più di quattro anni, Bentley porterà al debutto l'inedita "piccola" coupé a 4 porte dalla piattaforma Msb ereditata da Porsche.

Bentley Mulsanne 2013

Altre foto »

Per inserirsi nel nuovo segmento delle berline-coupé ad elevate prestazioni, interamente made in Germany e attualmente dominato da Bmw Serie 6 Coupé e Mercedes CLS63 AMG, Bentley amplierà verso il basso la propria offerta, con lo sviluppo di un inedito modello più piccolo rispetto all'attuale gamma. 

L'indiscrezione, raccolta da Car, si riferisce agli sviluppi di una animata riunione di presidenza e del Cda di Crewe, avvenuta nei primi mesi di quest'anno, nella quale il presidente Bentley, Wolfgang Schreiber, insieme ai suoi collaboratori, aveva iniziato una discussione sugli obiettivi dell'azienda per i prossimi anni (fino al 2020), e su quali piattaforme realizzare i futuri modelli.

Dall'incontro al vertice di Bentley era stato deciso il debutto (fissato per il 2016) del discusso Suv già mostrato in anteprima al Salone di Ginevra 2012, insieme alla nuova berlina Mulsanne e alla terza generazione della coupé Continental Gt, modello di riferimento dell'attuale produzione di Crewe. La notizia, al di là di queste anticipazioni, è proprio quella relativa allo sviluppo di una "piccola" Bentley, proiettata al 2018, da lanciare come nuovo modello autonomo o come completamento, verso un segmento inferiore, della gamma Continental.

Le forme, in linea di massima, sono state definite: la baby Bentley sarà una coupé a quattro porte, e dovrà essere il modello sul quale contare per i volumi di vendita: le proiezioni del presidente Schreiber si attestano sui 5-6.000 esemplari all'anno. Il prezzo, ovviamente in linea con l'immagine del marchio, sarà sui 125-150.000 euro.

L'impostazione powertrain sarà incentrata su un'offerta di motori 4.0 V8, un inedito 3.0 V6 e un turbodiesel (le ultime due autentiche novità per Bentley), che ovviamente saranno collocati in posizione anteriore, leggermente spostata verso la parte centrale della vettura per un migliore bilanciamento dei pesi.

Quanto alla piattaforma, dopo un iniziale interessamento verso il modulo D5 di Audi, la scelta sembra che - per motivi legati a una maggiore possibilità di impiego di materiali leggeri - cadrà sulla piattaforma Msb di Porsche, sviluppata a Ingolstadt da Volkswagen e "rivisitata" a Zuffenhausen per un impiego specifico su modelli ad alte prestazioni con motore anteriore e trazione posteriore o integrale (non a caso, la Msb costituisce la base per la nuova generazione di Porsche Panamera, prevista per il 2016, e la terza serie di Bentley Continental).

Se vuoi aggiornamenti su BENTLEY inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 25 settembre 2013

Altro su Bentley

Bentley Continental GT 2018: aspettando la nuova generazione
Anteprime

Bentley Continental GT 2018: aspettando la nuova generazione

La nuova Continental GT condividerà il pianale MSB con Panamera; motori aggiornati, e potrebbero arrivare anche la ibrida plug - in e la turbodiesel.

Bentley Bentayga by Mansory: 691 CV di razza
Tuning

Bentley Bentayga by Mansory: 691 CV di razza

Il poderoso SUV inglese guadagna un’estetica vistosa e aggressiva condita da un potenziamento del motore che raggiunge i 691 CV.

Bentley Bentayga Turbodiesel: potenza triturbo
Anteprime

Bentley Bentayga Turbodiesel: potenza triturbo

Equipaggiata con il 4.0 V8 triturbo di Audi SQ7, la nuova Suv luxury a gasolio di Crewe promette meno di 8 litri per 100 km. Prezzi da 178.370 euro.