Mazda3 2014 al Salone di Francoforte

La nuova generazione della media giapponese conquista la kermesse teutonica con design grintoso e doti tecniche all’avanguardia.

Mazda3 2014 al Salone di Francoforte

Tutto su: Mazda Mazda3

di Francesco Donnici

11 settembre 2013

La nuova generazione della media giapponese conquista la kermesse teutonica con design grintoso e doti tecniche all’avanguardia.

Il debutto della nuova Mazda3 2014 al Salone di Francoforte 2013 (12-22 settembre)  segna il completamento della recente strategia del Costruttore giapponese che ha visto incrementare  negli ultimi anni i propri successi,  grazie al lancio di affascinanti modelli come la Mazda CX-5 e la nuova Mazda6.

>> Guarda le ultime immagini ufficiali della nuova Mazda3 2014

L’ultima evoluzione del linguaggio stilistico KODO design, soprannominato “Soul Motion“,  trova nella nuova Mazda3 la sua massima espressione, offrendo all’ultima nata di Casa Mazda un concentrato di fascino e grinta inaspettati. Il frontale basso e sportivo richiama le forme di quello della più grande Mazda6, caratterizzandosi per la grande mascherina che divide i sottili proiettori con tecnologia LED, mentre la coda alta e slanciata regala un ulteriore “senso di movimento” alle muscolose fiancate. Lunga 4,660 mm, e con un passo pari a 2,770 mm, questa vettura sfoggia forme compatte che al contempo assicurano un’ottima abitabilità interna, studiata per ospitare comodamente 5 persone adulte e i loro relativi bagagli.

L’abitacolo si fa subito apprezzare per la sua impostazione funzionale e al contempo sportiva, capace di attrarre lo sguardo con forme semplici ed accattivanti. La console centrale a forma di “V” racchiude i principali comandi dell’auto, come il grande schermo “touch” posizionato all’estremità superiore e dedicato all’impianto multimediale, i comandi dell’impianto audio e quelli della climatizzazione elettronica. Particolarmente riuscito risulta il cockpit della strumentazione nascosto dietro il volante a tre razze e composto da un grande contagiri centrale e da due schermi digitali posizionati lateralmente, mentre  sul parabrezza è possibile proiettare le informazioni head-up display

La gamma dei propulsori della due volumi giapponese si apre con l’unità a benzina SKYACTIV-G 1.5 litri, capace di sviluppare 100 CV e 150 Nm di coppia massima, seguito dal più potente SKYACTIV-G 2.0 High Power, forte di 165 CV e 210 Nm di coppia. Sul fronte dei diesel troviamo invece l’unità SKYACTIV-D 2.2 litri common-rail, dotato di doppio turbocompressore variabile che permette di sprigionare ben 150 CV e una coppia massima di 380 Nm. Tutti i propulsori possono essere abbinati al cambio manuale a sei marce SKYACTIV-MT o in alternativa all’automatico a sei rapporti SKYACTIV-Drive.