Brabus B63S-700 6×6 al Salone di Francoforte 2013

Al Salone di Francoforte, Brabus presenta B63S-700 6×6, versione “riveduta e corretta” (700 CV) della particolarissima Mercedes G63 Amg a sei ruote.

Brabus B63S-700 6x6 al Salone di Francoforte 2013

di Francesco Giorgi

10 settembre 2013

Al Salone di Francoforte, Brabus presenta B63S-700 6×6, versione “riveduta e corretta” (700 CV) della particolarissima Mercedes G63 Amg a sei ruote.

Dal Mercedes G4 del 1934 alla Range Rover 6 Wheel, passando per la leggendaria Tyrrell P34 F1 del 1976, la sperimentale Williams del 1980 alla C6W di Covini Engineering: di tanto in tanto, l’automotive guarda alle vetture a sei ruote. Si tratta, in ogni caso, più di esempi stilistici che di modelli sviluppati per un autentico impiego di tutti i giorni.

L’ultimo caso, in ordine di tempo, viene presentato in questi giorni al Salone di Francoforte, che apre i battenti oggi per concludersi domenica 22 settembre. Si tratta della Brabus B63S-700 6×6, nome un po’ complicato che indica una elaborazione sulla base dell’enorme Mercedes G63 Amg 6×6, versione a sei ruote motrici – realizzata sulla Classe G 6×6 destinata alle forze armate – della leggendaria Mercedes Classe G (e, in particolare, della performante, oltre che costosissima, G63 Amg), della quale ci eravamo occupati nei mesi scorsi.

>> Guarda le immagini ufficiali della Brabus B63S-700 6×6

La vettura (o meglio sarebbe dire: il mastodonte), ulteriormente “riveduta e corretta” da Brabus, permette al grosso 5.5 V8 biturbo della G63 Amg (abbinato al cambio automatico 7G – Tronic Plus dotato di riduttore e tre modalità di marcia: “Controlled Efficiency”, “Sport”, “Manual”) di aggiungere il 13% di potenza, che da 550 CV vuol dire raggiungere la bellezza di 700 CV a 5.300 giri/min, e una coppia massima di ben 960 Nm fra 2.000 e 4.500 giri/min, grazie a una elaborazione che ha riguardato la pressione di sovralimentazione, la sostituzione delle valvole di aspirazione e dell’impianto di scarico (ora con due coppie di terminali laterali) e la classica – oltre che necessaria – rimappatura della centralina.

A livello estetico, la Brabus B63S-700 6×6 mette in evidenza, all’anteriore, un nuovo [glossario:spoiler] inferiore, i fari bi-Xeno con luci diurne a Led e cofano motore in fibra di carbonio. Lateralmente, la vettura mostra i larghi codolini passaruota in [glossario:carbonio] “nude look”, gusci specchi retrovisori anch’essi in fibra di carbonio, predelline e terminali di scarico in acciaio inox. Nell’abitacolo dominano pelle pregiata e [glossario:alcantara] 8i battitacco sono anch’essi in acciaio inox); il cassone posteriore è rivestito in bambù e dominato da un ampio rollbar cromato.

I valori prestazionali, tenuto conto che si tratta di un veicolo dalle dimensioni e peso… da transatlantico (5,90 m di lunghezza, 2,1 m di larghezza e 2,3 m di altezza, con un “passo” di 4.200 mm e speciali pneumatici da 37″, per una massa, in ordine di marcia, di ben 3.900 kg che, in ogni caso, consentono di superare guadi fino a un metro) sono di assoluto rilievo: la velocità massima (autolimitata) è di 160 km/h, e l’accelerazione 0 – 100 km/h viene dichiarata in 7,4 secondi.

No votes yet.
Please wait...