Nuova DR Citycross: pronta al debutto

Corpo vettura compatto per Dr Citycross, piccola "crossover" che debutterà a inizio settembre. Motore 1.3 (anche bi-fuel) e prezzi da 9.980 euro.

DR Citycross, immagini ufficiali

Altre foto »

La DR Motor punta su una nuova immagine sportiva. Dopo le prime anticipazioni, che avevamo pubblicato nelle scorse settimane, per il marchio molisano che assembla la componentistica automotive prodotta dalla cinese Chery Automobile sta per debuttare la CityCross, quinto modello della ancora giovane gamma Dr che, per la prima volta, ha scelto di non utilizzare un nome che segua le attuali proposte (Dr1, Dr2 e Dr5), ma di battezzarla con un nome inedito.

La Dr CityCross arriverà nelle concessionarie nei primi giorni di settembre, con prezzi a partire da 9.980 euro "chiavi in mano" e due allestimenti, "Luxury" ed "Executive", ai quali si aggiungerà la versione "commerciale" CityVan, utile per i piccoli trasporti grazie al vano di carico posteriore.

>> Guarda le immagini ufficiali della Dr Citycross

Il corpo vettura della Dr CityCross (decisamente compatto: 3,86 m di lunghezza, 1.62 m di larghezza e 1,58 m di altezza, con un "passo" di 2.330 mm) conferma lo stile pulito e senza fronzoli della produzione Dr, ma con una certa attenzione alla personalità.

Seppure non "originale", e a una prima occhiata simile nell'impostazione generale alla Dr2, lo sviluppo della piccola "crossover" italo - cinese dimostra una certa personalità, amplificata dalle finalità "multiuso" alle quali la vettura è destinata. Le vistose protezioni in plastica nella parte bassa della scocca, particolarmente evidenti nella zona inferiore dei paraurti e ai sottoporta; i grandi codolini passaruota ai parafanghi; il singolare motivo delle doppie modanature che dalle maniglie verticali apriporta posteriori (di tipo "nascosto") si raccordano alla fanaleria posteriore; i cerchi in lega e l'assetto piuttosto rialzato, contribuiscono a rafforzare per la CityCross il carattere da "compatta" urbana, aggiungendovi una piccola dose di sportività.

Discreta, visto il mercato che andrà a ricoprire (una via di mezzo fra i segmenti A e B) la capacità del bagagliaio: 370 litri, che diventano 1.200 con i sedili posteriori completamente abbattuti.

Il motore è il conosciuto 1.3, di origine cinese, da 83 CV che già equipaggia Dr2, disponibile in versione benzina e (su richiesta) bi-fuel benzina - GPL e benzina - metano.

Riguardo agli equipaggiamenti, Dr Citycross 1.3 Luxury offre, di serie, Abs, antifurto perimetrale con immobilizer, impianto audio con lettore cd - Mp3 e presa Usb, cerchi in lega, specchi retrovisori a regolazione elettrica, climatizzatore, doppio airbag, sensori di parcheggio posteriori e volante regolabile in altezza. A questa dotazione, per la versione "Executive" di Dr Citycross si aggiungono i cerchi in lega dal diametro più grande (16") e i rivestimenti in nabuk per l'abitacolo.

Per concludere, un occhio ai prezzi. Così equipaggiata, Dr Citycross viene proposta a un prezzo "chiavi in mano" di 9.980 euro (1.3 Luxury) e 10.980 euro (1.3 Executive). Il montaggio dell'alimentazione GPL richiede un sovrapprezzo di 1.000 euro (Iva compresa), che salgono a 2.000 euro nel caso si decida di optare per l'alimentazione a metano.

Lo stesso assortimento degli accessori (di serie e optional) viene indicato per la piccola "commerciale" Dr CityVan, il cui prezzo - anch'esso "chiavi in mano" - è lo stesso della 1.3 Executive: 10.980 euro.

Se vuoi aggiornamenti su DR inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Giorgi | 26 agosto 2013

Altro su DR

DR: la nuova gamma al Motor Show 2016
Anteprime

DR: la nuova gamma al Motor Show 2016

Quattro nuovi Suv, al debutto nella prima parte del 2017, per l'azienda molisana che rafforza la partnership con Chery e lancia l'alleanza con Jac.

DR City Cross: prezzo da 9.980 euro
Ultimi arrivi

DR City Cross: prezzo da 9.980 euro

Sarà disponibile anche nelle varianti bi-fuel gpl o metano

Termini Imerese, salta l’accordo con Dr Motor
Cronaca

Termini Imerese, salta l’accordo con Dr Motor

Il Ministero dello Sviluppo Economico archivia la pratica con il Costruttore molisano, accusato di non avere i fondi necessari per l’operazione.