Minerva: una supercar ibrida dal Belgio

Grazie ad un V12 e a due motori ibridi la Minerva sarà in grado di superare i 400 km/h.

Minerva: una supercar ibrida dal Belgio

di Valerio Verdone

02 luglio 2013

Grazie ad un V12 e a due motori ibridi la Minerva sarà in grado di superare i 400 km/h.

Minerva, una casa costruttrice belga, sconosciuta alla maggior parte di noi, ma con un passato datato 1900, anno della sua fondazione, ha intenzione di tornare sulla piazza con un’auto che si annuncia decisamente interessante, dopo aver terminato la produzione di auto di lusso nel 1938 e chiuso i battenti nel 1956.

>> Guarda le immagini della supercar Minerva

La vettura in questione è una supercar vera e propria, con velleità da prima donna della categoria, basta vedere la velocità massima stimata che dovrebbe essere superiore ai 400 km/h. Ce n’è abbastanza per impensierire sua maestà la Veyron e per mettere in discussione anche mostri sacri come McLaren P1 e LaFerrari.

Per ottenere questa punta velocistica, la Minerva si è affidata all’ibrido, nella fattispecie ad un motore V12 abbinato a due motori elettrici che inviano la potenza alle ruote anteriori. Di conseguenza, la supercar belga sarà anche rispettosa dell’ambiente ed avrà emissioni di Co2 contenute.

Inoltre, per contenere i pesi, utilizza un telaio in fibra di [glossario:carbonio] e un corpo vettura in kevlar. Non mancano un cambio sequenziale, un [glossario:differenziale] a slittamento limitato ed un sistema di frenata rigenerativa. Per il momento, non sono state diffuse altre specifiche, e non è stato reso noto il prezzo che comunque sarà per forza di cose elevato.