In arrivo una Fiat 500 Modigliani realizzata da Romeo Ferraris

Dopo la personalizzazione “artistica” della Abarth 500 del CITE Romeo Ferraris vuole lanciare una Fiat 500 stradale dedicata a Modigliani

In arrivo una Fiat 500 Modigliani realizzata da Romeo Ferraris

Tutto su: Abarth 500

di Leopoldo Canetoli

01 luglio 2009

Dopo la personalizzazione “artistica” della Abarth 500 del CITE Romeo Ferraris vuole lanciare una Fiat 500 stradale dedicata a Modigliani

.

E’ stato da sempre il suo pallino, la piccoletta che va fortissimo…anche se poi si è esibito con successo nel campo dei motori marini, per finire all’orologeria di gran classe. Diavolo di un Romeo Ferraris, che una ne fa e cento ne inventa! Questa volta si è cimentato su una 500 Abarth, trasformandola in un mostro di potenza e alla fine, con un tocco artistico, dedicandola a Amedeo Modigliani

Co-marketing tra sport e arte: un binomio inusuale, con prospettive interessanti per il mercato italiano, sempre affascinato dalla cultura e perché no, dallo sport. Il debutto di questa vettura nella versione da competizione è già avvenuto nel Campionato Italiano Turismo Endurance, con il piccolo bolide affidato alle mani del figlio Mario e di una graziosa pilota in gonnella: Michela Cerruti. Ma è chiaro che un modello omologato per la circolazione su strada potrebbe solleticare il target femminile.

La gente ama le cose personalizzate, esclusive. Credo che l’iniziativa possa avere molto successo soprattutto tra le donne, che sono sempre più attente alla bellezza e all’arte” ha commentato Anneliese Abarth, moglie del non dimenticato Carlo, attuale direttrice della Carlo Abarth Foundation.

Più prudente e schivo, come d’abitudine, Romeo Ferraris che ha realizzato questo bolide sul quale lavorava da qualche tempo. “Non possiamo ancora fornire date certe per la commercializzazione di questi veicoli – ha detto -. L’auto Modigliani sarà sviluppata su base 500 Abarth con un motore della potenza di 270 cavalli…

La carrozzeria presenterà dei richiami forti al grande artista italiano, anche se difficilmente l’auto che andrà in commercio avrà sul tetto la riproduzione di un’opera come avvenuto per il veicolo che sta partecipando al campionato turismo. Stiamo sviluppando delle ipotesi di allestimento della carrozzeria più adatte a un modello da commercializzare.

Presumibilmente verrà utilizzata la firma che Modigliani usava per le sue tele. Anche l’allestimento interno sarà personalizzato con richiami all’opera del maestro livornese. Questo tipo di auto avrà un mercato ristretto, di nicchia, e presumibilmente produrremo serie da dieci auto“.