BMW rilancia la Isetta con il marchio Austin

Secondo AutoExpress per la prossima "Isetta" BMW potrebbe rispolverare il marchio britannico Austin o in alternativa quello della tedesca Dixi

Il "revival" della mitica Isetta degli anni '50, con cui BMW prevede di gettarsi nell'arena delle microcar cittadine a quattro posti con un ridotto impatto ambientale, segmento sempre più gettonato di cui fanno parte la Toyota iQ e la smart, assumerà probabilmente la denominazione Austin.

È quanto riporta il periodico inglese AutoExpress che anticipa notizie ed immagini. Prevista per il 2011, questa auto si ricollega allo schema della Isetta creata a Bresso, alle porte di Milano, nel 1953 dal conte Renzo Rivolta assieme ai progettisti Ermenegildo Preti e Pierluigi Raggi.

La proprietà intellettuale e il marchio dell'Isetta vennero ceduti, a seguito delle difficoltà aziendali alla BMW nel 1956. Molto simile alla Isetta italiana, la versione tedesca - che montava un motore di 250 cc - incontrò un grande successo, tanto da essere fondamentale per salvare la BMW dalla difficile situazione economica post bellica e dall'insuccesso dei modelli presentati fino ad allora.

Alla fine del 1956 l'Isetta fu ribattezzata BMW 300 per via  di un motore da 297 cc. Dal 1956 al 1962 ne furono prodotte oltre 161mila. Il progetto della nuova citycar compatta di BMW, denominato "i-Car" si ispira all'architettura ultrarazionalista della Isetta, con motore e trazione posteriori e, nelle intenzioni di BMW, dovrebbe servire a far concorrenza alla Toyota iQ e ad arginare negli Stati Uniti la marcia trionfale della smart.

Inizialmente avrebbe dovuto recare proprio la denominazione "Isetta", ma le più recenti ricerche di mercato e i focus realizzati con la potenziale utenza di questo modello avrebbero spinto la BMW a rivedere il piano e ad utilizzare il marchio della britannica Austin o, in alternativa, quello della tedesca Dixi, che fanno parte del patrimonio della Casa.

Se vuoi aggiornamenti su BMW inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Leopoldo Canetoli | 30 giugno 2009

Altro su BMW

Bmw M2: tuning di sostanza secondo Dahler
Tuning

Bmw M2: tuning di sostanza secondo Dahler

La factory bernese completa la gamma Bmw M2: dopo l’esemplare unico M2 Cabrio, arrivano la M2 Coupé e la M2 Clubsport. Ce n’è per tutti i gusti.

Bmw M4 CS: più leggera e versatile nella guida sportiva
Anteprime

Bmw M4 CS: più leggera e versatile nella guida sportiva

La nuova M4 CS si pone un gradino sotto la GTS per offrire una guida più versatile, adatta sia alla pista che alle strade aperte al pubblico.

Bmw: le novità al Salone di Shanghai 2017
Anteprime

Bmw: le novità al Salone di Shanghai 2017

Anteprima mondiale per Mini John Cooper Works Countryman; Bmw Serie 5 passo lungo per la Cina, i servizi Bmw Connected, la serie speciale di Bmw i8.