Chevrolet Camaro ZL1 Convertibile

Spinta dal V8 6.2 sovralimentato, la Chevrolet Camaro ZL1 Convertibile non teme la concorrenza europea.

Chevrolet Camaro ZL1 Convertibile

di Valerio Verdone

24 settembre 2012

Spinta dal V8 6.2 sovralimentato, la Chevrolet Camaro ZL1 Convertibile non teme la concorrenza europea.

Pensate ad una cabriolet capace di correre lungo le highway californiane divorando l’asfalto ai semafori che non teme la concorrenza europea? Benissimo allora state pensando alla nuova Chevrolet Camaro ZL1 Convertibile 2013: una mostruosa sportiva da vivere all’aria aperta che porta in dote tutto il fascino delle muscle car americane.

Se la linea riprende quella da transformer della versione chiusa, sotto il cofano nasconde un missile capace di mandare in orbita gli organi interni per via dei 580 CV erogati e dei 556 Nm di coppia. Merito di un V8 6.2 litri pompato a dovere dalla sovralimentazione che non lascia scampo all’improvvisazione e non ha timori reverenziali nei confronti dei sofisticati propulsori europei.

Oltretutto, la ZL1 Convertibile è dotata di un corpo vettura rinforzato per sopperire alla mancanza del tetto, e garantisce una guida molto simile a quella della versione con il tetto chiuso che al Nurburgring ha girato in soli 7’41″27. Merito della terza generazione di sospensioni dotate del sistema Magnetic Ride che controllano lo smorzamento degli ammortizzatori.

Inoltre, la Convertibile ha tutti i sistemi elettronici per gestire al meglio la sua prepotente cavalleria; dal launch control al traction control, passando per l’immancabile controllo della stabilità. Certo, in questo modo non potrà assicurare una guida senza filtri, ma è il prezzo che si paga all’evoluzione.

Non ci sono ancora voti.
Attendere prego...