Volkswagen: nuovi modelli per l’America

Per migliorare la quota di mercato negli Usa sono attesi nuovi SUV e il ritorno della Phaeton.

Volkswagen Touareg 2010

Altre foto »

La Volkswagen continua a crescere e vuole conquistare più spazio anche in America, dove, trainata da modelli di successo come la Passat e la Jetta, detiene il 2,5% del mercato. Una quota significativa, che la Casa di Wolfsburg vuole portare al 5% entro il 2018, quando stima di vendere negli States ben 800.000 vetture l'anno.

Un obiettivo ambizioso, che potrebbe essere conseguito attraverso la strategia rivelata dal responsabile del marketing statunitense Rainer Michel. Come primo passo servirebbe ampliare l'offerta di SUV con uno di piccole dimensioni, da posizionare al di sotto della Tiguan ed un altro che possa inserirsi tra il SUV compatto di Casa VW e il Touareg. Inoltre, visto l'aumento generale del costo del carburante, un incremento alle vendite potrebbe arrivare estendendo l'offerta dei motori TDI anche sulla Tiguan.

Ovviamente, la produzione dei nuovi modelli avverrebbe negli stabilimenti d'oltreoceano come quello nel Tennessee e quello Messicano dove nascono, rispettivamente, Passat, Jetta e Beetle. Di sicuro l'investimento sarebbe a dir poco ingente, ma visto l'attuale momento del Gruppo VW, ci sono tutti i presupposti per mandare in porto l'operazione.

Se vuoi aggiornamenti su VOLKSWAGEN inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 25 luglio 2012

Altro su Volkswagen

Volkswagen: nuovo maxi-richiamo per 1 milione di auto
Cronaca

Volkswagen: nuovo maxi-richiamo per 1 milione di auto

Il CEO Matthias Müller ha annunciato un altro maxi richiamo in occasione dell’assemblea generale del Gruppo Volkswagen.

Volkswagen Up! restyling 2016: primo contatto
Ultimi arrivi

Volkswagen Up! restyling 2016: primo contatto

Abbiamo guidato la rinnovata citycar tedesca in abbinamento alla motorizzazione 1.0 TSI da 90 CV. Prezzi da 11.000 euro.

Volkswagen: 10 miliardi per il post-dieselgate negli USA
Attualità

Volkswagen: 10 miliardi per il post-dieselgate negli USA

Il colosso tedesco ha proposto alle autorità degli Stati Uniti un piano da 10 miliardi di dollari per rimediare al dieselgate.