Nuova Nissan Note: la prima immagine ufficiale

Nissan ha svelato in Giappone la nuova generazione della Note, che sarà costruita a partire dal 2013 nello stabilimento di Sunderland.

Nuova Nissan Note: la prima immagine ufficiale

Tutto su: Nissan Note

di Giuseppe Cutrone

16 luglio 2012

Nissan ha svelato in Giappone la nuova generazione della Note, che sarà costruita a partire dal 2013 nello stabilimento di Sunderland.

La Nissan Note si svela in anteprima grazie alla prima foto ufficiale che la casa giapponese ha rilasciato al pubblico in occasione dell’evento organizzato a Osanbashi, nei pressi di Yokohama, con lo scopo di presentare la rinnovata monovolume compatta.

La nuova Nissan Note mostra un aspetto decisamente moderno e “occidentale”, due requisiti fondamentali per affrontare il difficile mercato europeo (la vettura sarà comunque distribuita in tutti i mercati del mondo in cui il gruppo giapponese è presente) in uno dei segmenti più affollati e competitivi.

Oltre che sull’estetica, però, alla Nissan hanno deciso di puntare forte sulla sostanza, fornendo alla Note un abitacolo spazioso, confortevole e versatile, con finiture di qualità e maggiore cura per i dettagli rispetto alla precedente versione. Dal punto di vista della tecnologia ci sarà un accessorio come il sistema Around View Monitor (AVM), che aiuta il conducente a migliorare la visibilità grazie a una telecamera per poter fare manovra in tutta sicurezza negli spazi stretti.

Per quanto riguarda la gamma motori europea non si sa ovviamente nulla, mentre in Giappone la seconda generazione della Nissan Note si avvierà al mercato offrendo due nuovi motori come l’unità HR12DDR (DIG-S), un tre cilindri a benzina e iniezione diretta con turbo da 98 cavalli, e il benzina HR12DE da 80 cavalli, mentre il comparto trasmissione prevede la presenza del cambio automatico a variazione continua XTRONIC CVT offerto in alternativa al cambio manuale.

L’avvio della produzione della nuova Nissan Note avverrà nel 2013, quando nello stabilimento Nissan di Sunderland, nel Regno Unito, sarà dato il via all’assemblaggio delle vetture destinate a tutti i paesi europei.