Opel: Mokka, Astra OPC e le altre novità di Ginevra 2012

La Casa del fulmine anticipa le succulenti novità che debutteranno all’imminente Salone di Ginevra, tra cui le anteprime mondiali Mokka e Astra OPC.

Opel Mokka

Altre foto »

In vista dell'imminente apertura del Salone di Ginevra 2012 (8-18 marzo), Opel ha anticipato le novità che verranno esibite nel padiglione della Casa del fulmine durante il corso dell'importante manifestazione elvetica. Il Costruttore tedesco ha infatti in serbo ben due anteprime mondiali, rappresentate dall'inedito SUV compatto Mokka e dalla sportivissima Astra OPC da 280 CV, senza dimenticare la presentazione della "RAD e", una e-bike realizzata secondo i canoni automobilistici, oltre a numerose e interessanti novità relative alla gamma Opel.   

Opel Mokka

Con l'arrivo dell'Opel Mokka, la Casa di Rüsselsheim diventa il primo Costruttore teutonico ad esplorare il giovane segmento dei SUV compatti, fino ad ora appannaggio quasi esclusivo della Nissan Juke e della Mini Countryman. Esteticamente la Mokka  racchiude in soli 4,28 metri di lunghezza tutta la filosofia stilistica dei recenti modelli della Casa del fulmine, combinando le caratteristiche di un SUV con quelle di una pratica vettura compatta. Nonostante le dimensioni esterne molto contenute, l'abitacolo della Mokka risulta molto accogliente e confortevole, anche grazie ai 19 portaoggetti sparsi in tutto l'abitacolo, mentre il vano bagagli può arrivare ad un'ampiezza massima di 1.372 litri. La dotazione di accessori disponibili di serie o a pagamento sulla vettura risulta da segmento premium, tra i numerosi segnaliamo il sistema Opel Eye, dotato di telecamera anteriore e abbinato al dispositivo Forward Collision Alert  che avvisa il guidatore in caso di urto imminente, oltre al Departure Warning, un dispositivo che segnala un cambio repentino di corsia, o ancora il Traffic Sign Recognition che riconosce in modo automatico i segnali stradali.

Meccanicamente l'inedito SUV Opel viene equipaggiato con due unità a benzina e una diesel, tutte abbinabili alla semplice trazione anteriore o in alternativa ad una sofisticata trazione 4X4. Si parte dal 1.6 litri a benzina da 115 CV, seguito dal 1.4 litri turbo capace di erogare 140 CV. Sul fronte dei diesel troviamo il 1.7 litri CDTI da 130 CV e 300 Nm di coppia massima. I propulsori più potenti possono essere equipaggiati con il cambio manuale, o in alternativa con un comodo automatico a sei rapporti.

Opel Astra OPC

Il palcoscenico del Salone ginevrino sarà l'occasione ideale per presentare anche l'Astra OPC, punta di diamante della gamma Astra GTC e nuovo riferimento delle sportive due volumi compatte. Tutti i dettagli estetici che distinguono la versione OPC (Opel Performance Center) sprigionano potenza e adrenalina, a partire dalle prese d'aria anteriori, studiate per far "respirare" il potente impianto frenante firmato dalla Brembo, ma anche i vari spoiler aerodinamici e le minigonne laterali, o ancora gli enormi cerchi in lega da 20 pollici e l'impianto di scarico dall'animo "racing". Stesso discorso per quanto riguarda l'abitacolo della vettura, caratterizzato da accessori specifici dedicati alla guida sportiva, come gli splendidi sedili ad alto contenimento, rivestiti in pelle e con poggiatesta integrati, oppure il volante e il pomello del cambio sportivi impreziositi dalla sigla OPC, senza dimenticare la strumentazione dotata di tachimetro con fondo scala a 300 km/h.

Ovviamente la parte più emozionante della vettura risulta nascosta sotto il cofano anteriore ed è rappresentata dal rabbioso 2.0 litri biturbo capace di erogare ben 280 CV e 400 Nm di coppia, una potenza addirittura superiore alla già incredibile Volkswagen Golf R da 272 CV. L'enorme potenza viene coadiuvata dal sofisticato telaio FlexRide, capace di variare l'assetto degli ammortizzatori e dal differenziale autobloccante, in grado di tenere a bada i limiti della trazione anteriore.

Opel RAD e: la bicicletta elettrica del futuro

Tra le novità Opel presenti a Ginevra, ci sarà anche un'interessante proposta per la mobilità ecosostenibile che si distinguerà per l'uso di solo due ruote. Stiamo parlando dell'innovativa bicicletta elettrica battezzata RAD e: si tratta di una bici dotata di pedalata assistita, grazie all'ausilio di un piccolo motore elettrico di 250 watt che garantisce un'autonomia che può variare da 60 a 140 km. Esteticamente questa innovativa bicicletta riprende alcuni dei segni stilistici distintivi dell'Ampera, come ad esempio i tratti a forma di boomerang che impreziosiscono il frontale della vettura elettrica con autonomia estesa.

Se vuoi aggiornamenti su OPEL ASTRA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Francesco Donnici | 08 febbraio 2012

Altro su Opel Astra

Opel Astra Sports Tourer 1.6 Biturbo CDTi: la prova su strada
Prove su strada

Opel Astra Sports Tourer 1.6 Biturbo CDTi: la prova su strada

Abbiamo messo alla prova l'Astra station wagon con il diesel più potente! Ecco le nostre sensazioni di guida.

Opel Astra 2016 1.0 Turbo ecoFlex: la prova di acquisto
Prove di acquisto

Opel Astra 2016 1.0 Turbo ecoFlex: la prova di acquisto

Abbiamo provato ad acquistare la nuovissima Opel Astra 5 porte dotata del piccolo e parsimonioso motore 3 cilindri turbo.

Opel Astra 2016 1.6 CDTi: la prova su strada
Prove su strada

Nuova Opel Astra 1.6 CDTi in prova

La compatta del Fulmine riscrive le regole del mercato grazie al sistema Onstar.