Dodge Dart

Basata sul pianale della Giulietta, la Dodge Dart rappresenta la prima creazione per il mercato americano dell’alleanza Fiat-Chrysler.

Dodge Dart

di Valerio Verdone

09 gennaio 2012

Basata sul pianale della Giulietta, la Dodge Dart rappresenta la prima creazione per il mercato americano dell’alleanza Fiat-Chrysler.

Il gruppo Chrysler ha intenzioni serie in America e lo dimostra con la Dodge Dart, compatta che rappresenta il primo modello pensato per il mercato a stelle e strisce frutto dell’alleanza con Fiat. Forte di un design accattivante e di contenuti tecnici di livello, l’erede della Caliber ha tutte le carte in regola per poter conquistare il cuore degli statunitensi.

In effetti le nobili origini Alfa, il pianale deriva da quello della Giulietta, il motore 1.4 turbo ereditato dalla 500 Abarth, e una linea tipicamente yankee, rappresentano un mix intrigante.

Con le 4 ruote agli angoli della vettura, la tipica calandra Dodge, e la possibilità di montare anche motori di cilindrata maggiore, i nuovi Tigershark da 2 e 2,4 litri, capaci di erogare, rispettivamente, 160 CV e 184 CV, questo modello può accontentare il bacino d’utenza americano grazie ad una gamma composta da 5 allestimenti: SE, SXT, Rallye, Limited e R/T.

Non poteva mancare la presenza del cambio automatico, offerto come alternativa alla trasmissione manuale a 6 marce che, per le Dodge Dart 1.4 Turbo, è il doppia frizione montato su MiTo e Giulietta, mentre per le altre motorizzazioni è offerta una più convenzionale trasmissione automatica con convertitore di coppia.

Se all’esterno la Dodge Dart convice, l’abitacolo si presenta all’altezza delle aspettative grazie ad una plancia che concentra in maniera semplice ed ordinata i principali comandi.

Con 12 colori esterni, 14 tonalità interne e 7 tipologie di cerchi, a cui si aggiungeranno 150 accessori specifici sviluppati dalla divisione Mopar, la nuova nata in Casa Dodge rappresenta un esame importante per l’avventura Fiat sul suolo americano, un’avventura che promette grandi soddisfazioni.

No votes yet.
Please wait...