Lotus Exige S, sportività pura a Francoforte

Con un motore da 350 CV e un peso di soli 1080 kg, la nuova Lotus Exige è pronta a riscrivere le leggi della fisica.

Lotus Exige S, sportività pura a Francoforte

Tutto su: Lotus Exige

di Francesco Donnici

15 settembre 2011

Con un motore da 350 CV e un peso di soli 1080 kg, la nuova Lotus Exige è pronta a riscrivere le leggi della fisica.

Essenziale, sportiva e adrenalinica. Proviamo a descrivere con queste tre semplici parole la nuova Lotus Exige S, sportiva estrema realizzata dalla Casa di Hethel che proprio in queste ore ha debuttato al Salone di Francoforte. L’ultima capolavoro firmato dal costruttore anglosassone raccoglie l’eredità dell’omonima serie di sportive britanniche Exige, massima espressione della filosofia di leggerezza, prestazioni estreme e dinamica superlativa che hanno reso celebre lo storico marchio fondato da Colin Chapman.

Con questa Exige S però si è voluto veramente esagerare, spostando i limiti della fisica un gradino oltre. Infatti su un corpo vettura di soli 1080 kg è stato installato il potente propulsore di origine Toyota che equipaggia la più grande Evora S. Si tratta del V6 3.5 litri, che in versione aspirata eroga ben 280 CV, ma che sulla Exige S utilizza un compressore volumetrico in grado di far raggiungere un picco di 350 CV e 400 Nm di coppia massima. Facendo due calcoli, il peso piuma della vettura unito all’enorme potenza del propulsore offre l’incredibile peso-potenza di 324 CV/tonnellata, un rapporto che rende possibile l’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,8 secondi, da 0 a160 km/h in 7,9 secondi, mentre la velocità massima dichiarata risulta di 274 km/h.

Come da tradizione la guida di questa vettura rimane riservata a veri piloti a causa della massima reattività offerta dallo sterzo rigorosamente privo di servoassistenza e all’assetto dell’auto completamente rigido che sposta il baricentro a pochi centimetri dal suolo. Totalmente nuovo risulta invece il design del frontale che riprende alcuni dei canoni stilistici inaugurati dai 5 prototipi della Casa inglese, presentati all’ultimo Salone di Parigi, mentre coda e abitacolo spartano rimangono molto simili alla precedente versione.